“Non avete capito…”. Sanremo, ancora Diletta Leotta. E stavolta spunta anche la mamma. Il caso è ormai scoppiato

Diletta Leotta interviene su Sanremo 2020. La bella giornalista sportiva ha affiancato Amadeus nella prima puntata del Festival di Sanremo 2020. E si è cimentata in un monologo sulla bellezza che non è piaciuto quasi a nessuno. La presentatrice di Dazn ci ha provato, ma il pubblico le è andato contro. E, ora che la cosa è andata, Diletta Leotta ha deciso di replicare alle critiche. Lo ha fatto nella puntata di Storie Italiane andata in onda giovedì 6 febbraio.

In collegamento con Eleonora Daniele ha detto tutta la verità su quel monologo e ha cercato di salvarsi la faccia. La Leotta ha confessato che il suo intento non era quello di attirare l’attenzione ma voleva solo parlare di un aspetto molto bello della sua vita. Voleva inoltre ricordare l’importanza della famiglia che per lei è un punto di riferimento. Diletta Leotta ha voluto precisare che il suo monologo non era un monologo sulla bellezza ma un monologo sul tempo che passa, inesorabile, per tutti.

Ha detto, insomma, che il pubblico l’ha fraintesa: “Non è stato compreso il mio monologo, le persone hanno capito solo una parte”. E non è rimasta in silenzio neanche la madre di Diletta che ha provato in tutti i modi a difendere la figlia dagli attacchi crudeli che ha ricevuto. “Come al solito siamo proprio noi donne le peggiori odiatrici, le peggiori nemiche di noi stesse, ci facciamo prendere non so da cosa” ha scritto mamma Ofelia su Instagram. 

E ha aggiunto: “Il monologo di Diletta voleva essere un inno ironico rivolto a tutti, specialmente alle giovani donne, alle ragazze, per spronarle a studiare e a fare sacrifici pur di realizzare i propri sogni”. Per mamma Ofelia gli attacchi a sua figlia Diletta sono stati una crudeltà. “Una grande delusione assistere agli attacchi di donne, giornaliste e donne dello spettacolo, tutte donne, anche donne che contano”, ha detto. 

 

Visualizza questo post su Instagram

L’ho sempre difesa dagli attacchi e lo sapete. Ma ieri sera non ho apprezzato il presuntuoso monologo di Diletta Leotta: un finto “smascheramento” che ha cercato la complicità del pubblico, senza riscontro. Se vuoi fare tv verità devi dire la verità, abbassare la maschera per davvero. Perché risulti solo retorica se ciò che dici non corrisponde a ciò che sei. Perché lei poteva liberarci dall’ipocrisia e raccontare che sì, si può avere paura di invecchiare. Di non corrispondere ai canoni estetici che sognavamo e di essere libere di ristrutturarsi quando non ti “capita” la bellezza che desideravi per te stessa. Perché ritoccarsi è una libera scelta di buon senso, buon gusto, ma pur sempre una libera scelta. E se l’avesse ammesso sarebbe diventata la paladina di un’altra verità, seppur scomoda. Avrebbe sdoganato un sacrosanto diritto al libero arbitrio sul proprio corpo, manifesto vero di emancipazione. Anche perché la differenza la fa sempre chi indossa un abito, come lo si indossa. Si può essere naturali e volgari allo stesso tempo, infatti. Ma se mi dici che le rughe non ti fanno paura non serve, non ti credo e non basta la nonna a renderti credibile. Perché se non sei la Magnani e le rughe non le mostri, allora sí, hai paura cara Diletta. E qualcuno te lo doveva suggerire che non c’è niente di male. Il male è nell’inganno e non è estetico. Ma se menti si vede, e non c’è trucco (o trucchetti) che servano. E poi che noia quando ha detto “non ci prendiamo in giro sul palco ci stai se sei bona”, perché fortunatamente esistono innumerevoli qualità e talenti da mostrare. Io ho avuto tante paure di: ingrassare, invecchiare. Ma sono quelle paure, superate a modo mio, che mi rendono unica. #sanremo #dilettaleotta #francescabarra #tuttiallasbarra

Un post condiviso da Francesca Barra (@francescabarra1) in data:

A prendere di mira Diletta Leotta per il suo monologo sono state in tante. Monica Leoffredi, Nunzia De Girolamo e Francesca Barra, tanto per dirne alcune. “Non siamo capaci di unirci per rafforzare il nostro diritto ad essere donne tutte insieme diversamente belle, siamo noi le prime a non guardare oltre la facciata esterna”, ha concluso. Una delusione. A difendere Diletta dagli attacchi non è stata solo la madre ma anche il fratellastro, il chirurgo Mirko Manola che ha garantito che Diletta non è rifatta.

“E bravo il fratello chirurgo plastico di Diletta Leotta!”. Sanremo, dopo il pesante attacco, arriva la dura risposta di Mirko, il fratello della conduttrice

Commenta la Notizia

Lascia un commento