«Forse la mamma non voleva farmi del male». Con queste parole il figlio ha provato a giustificare la madre che poi lo ha ucciso di botte. AJ Freund, cinque anni, è stato trovato morto in una fossa poco profonda a Crystal Lake, nell’Illinois, dopo essere stato ucciso nell’aprile 2019.

Secondo le analisi il piccolo sarebbe stato sottoposto a una serie di violenze e torture per mesi prima della morte. Quattro mesi prima del decesso era stato portato in ospedale e i dottori avevano riscontrato i segni delle percosse, ma il bimbo provò a giustificare la mamma dicendo che forse non lo aveva fatto di proposito e che non era sua intenzione fargli così tanto male.

La mamma e il papà di AJ, JoAnn Cunningham e Andrew Freund avrebbero ucciso il bambino solo perché aveva sporcato le mutandine. Lo hanno prima ammazzato di botte e poi hanno cercato di nascondere i resti in un bosco. La coppia ha inizialmente denunciato la scomparsa del figlio e quando è stato trovato senza vita i sospetti sono subito ricaduti sui genitori. La madre, dopo l’interrogarorio, come riporta il Mirror, ha confessato tutto. Ora la coppia rischia dai 20 ai 60 anni di carcere.

Leggi anche  Lucia Perez, seviziata e uccisa con un palo a 16 anni: per i giudici era consenziente

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here