“Non mi interessa se non dorme per tutta la notte, perché il suo risveglio è l’unica cosa che ci ha salvati”, ha detto sua madre. Poiché Celia di 15 mesi si è svegliata nel bel mezzo della notte, i Ruppels – insieme ai loro quattro gatti e due cani – sono fuggiti dall’avvelenamento da monossido di carbonio nella loro casa di Kamloops. Ora, stanno esortando chiunque e tutti a garantire che i loro rilevatori di gas siano installati e funzionino correttamente.

“La nostra casa ha 26 anni e non avevamo rilevatori di monossido di carbonio”, ha affermato Kyle Ruppel, un costruttore della zona. “Penso che sia stata una di quelle cose avvenute improvvisamente”. Nelle prime ore del venerdì, Monique Ruppel si svegliò grazie alla sua bambina che piangeva per la seconda volta quella notte. Prima di arrivare alla porta della camera da letto, fu colpita da vertigini e crollò sul letto, svegliando suo marito.

“Ci siamo resi subito conto che entrambi ci sentivamo allo stesso modo – entrambi abbiamo avuto le vertigini, entrambi abbiamo avuto mal di testa, i nostri occhi bruciavano”, ha detto Monique Ruppel. Quando raggiunse la culla di Celia e la prese in braccio, la bambina cominciò a vomitare. “Nello stesso momento, uno dei miei gatti era crollato ai miei piedi ed era a terra”, ha detto Monique Ruppel. “Fu allora che diventammo piuttosto isterici e realizzammo che stava accadendo qualcosa di serio”. Suo marito chiamò i suoi genitori per venire a prenderli, e la coppia imballò qualcosa per la notte e si preparò a salire sul loro camion. I nonni arrivarono proprio quando Kyle Ruppel cominciò a svenire.

“Ricordo di aver pensato in quel momento ‘E’ questo che si prova a morire? ‘”. “Perché non c’era nulla che potessi fare per far rispondere il mio corpo a ciò che la mia mente mi stava dicendo”. Suo padre ha chiamato il 911 e la giovane famiglia è stata portata di corsa all’ospedale Royal Inland in un’ambulanza. Dopo una rapida valutazione, Celia e i suoi genitori furono messi su un aereo per Vancouver. A mezzogiorno del venerdì, stavano subendo l’ossigenoterapia al Vancouver General Hospital. I collaboratori di Monique in una clinica veterinaria si sono presi cura degli animali, e sabato sera tutti gli uomini e gli animali si erano ripresi e tornavano a casa.

Durante la prova, Monique Ruppel ha detto, Celia è stata “la migliore bambina”. “Grazie a Dio per Celia. Lei è il nostro piccolo angelo custode. Ecco come la guardiamo. Ha assolutamente salvato le nostre vite e lei non lo sa nemmeno”. Mentre erano a Vancouver, i Ruppel hanno appreso che i pompieri non potevano nemmeno oltrepassare la porta di casa senza far scattare i rilevatori di monossido di carbonio a mano.

La coppia implorava amici e familiari di non ritardare l’installazione o il controllo dei rilevatori di monossido di carbonio. I Ruppels hanno anche sostituito la loro fornace, che era la fonte della perdita di gas, e hanno installato tre nuovi rilevatori nella loro casa. “Non metterlo in cantiere come una di quelle cose che puoi fare dopo”, ha detto Kyle Ruppel. “È una di quelle cose che devi fare e devi farlo oggi, perché domani potrebbe essere troppo tardi.”

Commenta la Notizia