Fedez, ha ricordato, aveva chiesto scusa e proposto una collaborazione, che ad oggi non è avvenuta. Queste le parole del rapper: “Non c’è stato un finale. Avevo proposto di rendere costruttiva una polemica che, a mio parere, non aveva senso.

Fedez ha continuato: “Mi sarebbe piaciuto fare qualcosa di concreto su una tematica importante, evidentemente non c’era la volontà. Io sono a disposizione, non necessariamente per collaborare artisticamente, anche solo per esporsi, sensibilizzare insieme” e ha commentato che questa incomprensione non era a favore né di Tiziano e tantomeno sua: “Quello che è successo non ha fatto bene a nessuno, non ha aiutato me e nemmeno Tiziano che usciva con il suo disco ma per una settimana ha parlato solo di quello.

Tiziano risponderà a Fedez?

Lo abbiamo visto un mese fa sul palco dell’Ariston attraversare tutta la gamma delle emozioni: dalla paura alle lacrime, dalla rabbia all’orgoglio. Tiziano Ferro ama mettersi alla prova, superare la propria emotività, le proprie “sere nere”, perché nella sua vita c’è una nuova luce.

Ed è quella che lo ha portato alla consapevolezza, a non sentirsi sbagliato, ad avvicinarsi ai 40 anni lasciando in soffitta le ferite del passato. «Ci ho messo 40 anni, ma adesso so che il brutto tempo non esiste, è tutto un susseguirsi di stagioni», ha detto a Sanremo in un monologo che ha lasciato il segno. Il cantante ha fatto i conti con i propri conflitti, con la propria sensibilità, avendo come unica scialuppa di salvataggio una voce dolce e potente, oltre all’amore dei genitori che aspettavano solo un suo cenno. «A 40 anni ho imparato che non bisogna negarsi all’amore del padre e della madre, mai, né per orgoglio né per timore».

Leggi anche  Cristiano Ronaldo, l'ombra del tribunale sulle nozze

A suo padre ha dedicato un libro proprio dieci anni fa, Trent’anni e una chiacchierata con papà, attraverso il quale ha dichiarato al mondo la propria omosessualità. Poco mesi fa ha sposato Victor Allen. «A 40 anni so che nessuno può vedere quanto è bello l’amore se non condividi con il mondo il tuo sorriso da innamorato ». Si sono conosciuti tre anni fa negli Stati Uniti e si sono uniti in matrimonio due volte: il 25 giugno a Los Angeles e il 13 luglio a Sabaudia. Alla presentazione dell’album Accetto miracoli, Tiziano ha parlato di figli, dicendo: «In questo momento è la cosa alla quale penso di più nella vita». Chi conosce bene il cantante ci dice che non succederà presto.

Ma succederà. Il prossimo 30 maggio, Coronavirus permettendo, Tiziano partirà in tour e ci starà fino a fine anno, mentre nel 2021 festeggerà 20 anni di carriera. Un viaggio iniziato dopo aver ricevuto qualche porta in faccia e aver trovato sulla propria strada Alberto Salerno e Mara Maionchi, che hanno convinto la Emi a pubblicare il suo primo disco. Il singolo di lancio si intitolava Xdono, giusto per far capire con quali zavorre emotive Tiziano si avvicinava al successo. Ancora oggi il cantante dice che la cicatrici lo aiutano a curare le ferite che arriveranno. «A 40 anni voglio dire al mondo che nessuno dovrebbe mai decidere di vivere soffrendo.

E nessuno dovrebbe mai voler morire. Perché subire non è una disgrazia, è una scelta. E la felicità non è un privilegio, è un diritto». Tiziano non sarà mai del tutto libero dalla sua sensibilità, ma ha scoperto due cose: la prima è di non essere solo, la seconda è di non essere sbagliato. «Non sono sbagliato. Nessuno lo è». Nei prossimi mesi uscirà per Amazon prime video il documentario sulla sua vita, Ferro, che ha girato in parte a Latina, la sua terra. «Quelli come me hanno un’aspettativa di vita bassa, 40 è più di quello che avrei sperato», dice il cantante nel trailer. Perché certe guerre te le porti dentro sempre e la pace è un’utopia, vale a dire un orizzonte da inseguire non necessariamente perché tu lo possa raggiungere, ma perché ti indica la strada.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here