Tutta l’Italia in crisi per il coronavirus si è stretta (virtualmente, s’intende) attorno al commissario più amato: Montalbano. È andato in onda con ascolti record, come al solito – oltre 9 milioni di telespettatori – su Raiuno, subito dopo la conferenza stampa del premier Conte, che annunciava misure straordinarie per tutto il Paese. L’episodio Salvo Amata, Livia mia ci ha riportato per due ore nel mondo come lo conoscevamo prima: rassicurante, dolce e malinconico, come la Sicilia descritta da Camilleri.

La seconda puntata, La rete di protezione, in onda lunedì 16 gennaio, promette di fare lo stesso. Poi dovremo aspettare un anno per il terzo episodio, che è già stata girato, come ci ha confermato Luca Zingaretti (interprete e ora anche regista), ma che la Rai ha deciso di tenere nel cassetto fino al 2021. Nel frattempo il popolare attore e sua moglie Luisa Ranieri, come tutti noi, saranno costretti a passare molto tempo in casa. Allora godiamoci le belle immagini dello spiritoso spot televisivo che li ritrae insieme ai fornelli. «Finalmente un momento per noi», dicono: si godono un istante d’intimità, ma in realtà sono in mondovisione.

Un quadro di serenità familiare che di questi tempi fa davvero bene al cuore (e alla salute). Per lui si tratta di una rara incursione nel mondo della pubblicità, mentre Luisa è una veterana: fu proprio il tormentone di uno spot, «Anto’, fa caldo!» – ricordate? – a lanciare la sua carriera. Sappiamo che i due attori sono restii a farsi vedere insieme, ognuno geloso della propria carriera e attento a non mettere in ombra l’altro, ecco perché questo spot è davvero speciale. Luisa, che in questi giorni abbiamo visto in televisione nei panni di Carmela, madre coraggio vedova, protagonista di La vita promessa 2, si prepara a diventare a sua volta commissario, proprio come il celebre marito.

Leggi anche  Richard Gere, a 70 anni non ci sta e fa un altro figlio

Si calerà nei panni di una versione femminile di Montalbano, sempre per Raiuno. Con una serie basata sui quattro romanzi di Gabriella Genisi (ed. Sonzogno), l’attrice diventerà Lolita Lobosco in servizio alla squadra omicidi della questura di Bari. Una figura al passo con i tempi, che vedono le donne sempre più impegnate in ruoli una volta territorio esclusivo maschile. «Il personaggio è nato dalla lettura dei romanzi di Camilleri», ha dichiarato la scrittrice, «ed è una poliziotta dotata di spiccata femminilità. «Quando noi donne abbiamo cominciato a ricoprire caselle importanti della società, prima di allora occupate solo dai maschi, abbiamo iniziato a travestirci da uomini: scarpe basse e pantaloni.

Lolita invece lavora fasciata dalla gonna stretta e arrampicata sui tacchi». Insomma non rinuncia alla sensualità, che si sposa bene con la personalità di Luisa Ranieri, appassionata collezionista di scarpe e dotata di una bellezza morbida e provocante. Alla presentazione per la stampa del Commissario Montalbano, abbiamo chiesto a Zingaretti che cosa pensasse del fatto che sua moglie diventa commissaria su Raiuno, sfidandolo nel ruolo. «Io allora farò la vedova e la madre coraggio», ha risposto lui con una battuta. Poi si è fatto serio: «A parte gli scherzi, abbiamo sempre tenuto a mantenere separate le carriere. È giusto che lei percorra la sua strada. È un’ottima professionista e merita di avere successo». Le riprese, che sarebbero dovute cominciare a metà marzo a Bari vecchia, subiranno uno slittamento a causa delle nuove misure emanate dal governo. Per ora limitiamoci a godere dello spettacolo migliore di tutti: la coppia in casa, proprio come noi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here