Lotta al coronavirus, arriva l’Esercito: 20mila militari schierati contro le violazioni

La svolta, arriva l’Esercito. La situazione è drammatica, gli italiani – nella stragrande maggioranza – stanno rispondendo all’appello di restare in casa. Ma ci sono ancora troppi “disobbedienti”, che mettono a rischio la salute di tutti. E c’è bisogno di aiuto, di tanto aiuto nelle strutture. Secondo quanto trapela, saranno 20mila i militari in strada.

Esercito, primi passi in Campania e Sicilia

Il primo passo riguarda la Campania e la Sicilia, dove i militari scenderanno in campo per far rispettare i divieti ep far fronte all’emergenza. Dopo le richieste e gli appelli provenienti dalle Regioni, ora c’è la «piena disponibilità» del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini.

Leggi anche  Alessandro Zan, chi è l'autore della medesima legge?

Proseguono i controlli in tutt’Italia

Prosegue nel contempo l’attività delle forze dell’ordine in tutt’Italia e – secondo i dati del ministero dell’Interno –ammontano a 53mila le denunce e a oltre 1,2 milioni i controlli negli ultimi otto giorni.

L’appello di Fontana, la risposta di Guerini

Il governatore Attilio Fontana aveva spinto per l’Esercito. «Non è una vacanza per cui si va al parco, è una guerra. In guerra, normalmente, si hanno restrizioni e sacrifici molto maggiori». La Difesa ha accolto l’appello. «Ho dato piena disponibilità all’utilizzo dei militari impegnati in “Strade sicure” per la gestione dell’emergenza coronavirus», la replica del ministro Lorenzo Guerini.

Leggi anche  Stasera in tv giovedì 16 settembre 2021, Tutti i Film e programmi di oggi

L’Esercito in Sicilia

Una parte dell’Esercito in servizio in Sicilia sarà impiegata nelle pattuglie di vigilanza urbana e nei punti di arrivo dei passeggeri. La comunicazione al governatore Nello Musumeci in un colloquio telefonico. Il presidente dell’Isola aveva avanzato a Lamorgese un’altra richiesta formale, allarmato dalla crescita dei positivi in Sicilia. Duplice l’obiettivo di Musumeci: da un lato, un maggiore controllo preventivo e, dall’altro, una più intensa attività sanzionatoria, in particolare, nei capoluoghi di provincia e agli approdi dello stretto di Messina.

Leggi anche  Crocifisso in aula? Si può, non discrimina, ma non va imposto

I contingenti in Campania

Alcuni contingenti dell’Esercito sono in arrivo in Campania per affiancare le forze dell’ordine nei controlli sul territorio. In totale, 100 le unità impegnate in questa prima fase. Poi ci sarà una programmazione più organica, ha detto il capo del Viminale al presidente Vincenzo De Luca

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *