Spagna, sassaiola contro l’arrivo di 28 ambulanze cariche di anziani malati di coronavirus

Dovrebbe essere il momento della solidarietà e della compassione, invece in alcuni casi è quello dell’egoismo. Ne sanno qualcosa in Spagna, dove un convoglio di ambulanze con a bordo 28 anziani affetti da Covid-19 è stato preso a sassate da un gruppo di persone contrarie al loro trasferimento in una casa di riposo. E’ successo a Línea de La Concepción, nel sud del paese, e a farne le spese sono stati anche alcuni agenti di polizia intervenuti per sedare i disordini.

Quella messa in atto dai residenti è stata una protesta durissima con sassaiole, insulti e persino barricate. Alcuni infatti hanno dato alle fiamme dei cassonetti della spazzatura dopo averli piazzati in mezzo alla strada con lo scopo di impedire il transito delle ambulanze cariche di anziani, tutti malati di covid-19 e tutti provenienti dalla città di Alcalá del Valle, un piccolo comune che conta molti contagiati. Proprio nella casa di riposo dove risiedevano questi vecchietti c’erano stati già tre morti, oltre all’aumento degli infettati anche tra il personale sanitario: il rischio di creare un focolaio era imminente.

Per questa ragione, con il concreto pericolo che la situazione degenerasse, le autorità locali avevano deciso di trasferire gli anziani in un’altra struttura distante pochi chilometri. Ben presto la voce si è sparsa sui social network e nelle chat e decine di residenti di La Línea de la Concepción hanno dato vita a una vera e propria rivolta. La reazione della polizia è stata violenta e due persone che facevano parte del branco  sono state arrestate. Il sindaco e molte persone della città hanno invece espresso solidarietà, accoglienza, sostegno e applausi ai 28 anziani, augurando loro una pronta guarigione e garantendo tutto il sostegno necessario.

Commenta la Notizia

Lascia un commento