Eros Ramazzotti e Roberta Morise, sono innamorati come due adolescenti

E ci sei adesso tu, a dare un senso ai giorni miei, va tutto bene dal momento che ci sei…», recita uno dei brani più famosi e amati di Eros Ramazzotti. E il cantante romano negli ultimi mesi sembra davvero aver ritrovato quella serenità e quell’entusiasmo di chi ha una nuova ragione per continuare a guardare avanti e progettare. Questo slancio ritrovato ha un nome e cognome: Roberta Morise, splendida calabrese di una bellezza mediterranea tanto semplice quanto ipnotica e sanguigna.

È stato proprio il nostro settimanale la scorsa settimana a svelare il nome della nuova dolce metà di Eros indagando su una indiscrezione lanciata dal sito Dagospia che dava degli indizi senza però rivelare l’identità della “fortunata”. Eros e Roberta, entrambi notoriamente riservati e gelosi della loro vita privata, non hanno smentito né commentato la notizia. Hanno con eleganza e maturità evitato qualsiasi reazione pubblica, quasi a volere gelosamente custodire la purezza di un sentimento appena nato e ancora troppo giovane per nutrirsi di certezze o proclami. Contattata da Oggi, la Morise si è trincerata dietro un impenetrabile silenzio, scegliendo di non percorrere la via del clamore mediatico.

Oggi è però in grado di ricostruire i passaggi salienti che hanno segnato questa che è una storia ancora tutta da scrivere e da vivere. Roberta, ex fidanzata di Carlo Conti e co-conduttrice de I fatti vostri, ed Eros hanno iniziato a frequentarsi l’autunno scorso. Per lunghissimo tempo la loro è stata una relazione unicamente telefonica. Gli impegni professionali del cantante lo tenevano in quel periodo lontano dall’Italia e ai due non restava che condividere a distanza le emozioni che i loro cuori iniziavano timidamente a ospitare. Lunghe telefonate notturne in cui si sono raccontati senza filtri, mettendo a nudo le loro parti più intime e vulnerabili. Telefonate fatte di aneddoti, racconti di vita, lacrime e risate.

Leggi anche  Toffanin il dramma di Lorella Boccia: ‘Ho rischiato di perdere mio marito…’

Quasi si conoscessero da sempre. Roberta ed Eros non erano mai sazi di ascoltarsi e coccolarsi. Durante questi mesi hanno scoperto di avere più di una passione in comune. In primis la musica, per entrambi ragione di vita. E poi il buon cibo, i viaggi, la campagna, gli affetti, la vita semplice. Entrambi attaccati alle piccole cose, quelle vere. Con il tempo il loro legame è cresciuto ed entrambi hanno avvertito il bisogno di viversi al di là di uno smartphone. Hanno avuto la necessità di sentirsi, di guardarsi occhi negli occhi e godere del calore di un abbraccio. E allora Eros invita Roby a un suo concerto a Roma. È dicembre e la Morise è in prima fila alla performance capitolina. Posta in Rete video e foto che la immortalano raggiante, con gli occhi che le brillano di entusiasmo. Ed è nei giorni successivi al concerto, quelli in cui Eros si tratterrà nella Capitale e dintorni, che tra i due scoppia la passione.

Persone vicine a entrambi ci raccontano però di un rapporto tenero, romantico, quasi adolescenziale. In quei giorni la coppia è inseparabile: cene in luoghi segretissimi e notti trascorse in alcove lontane da occhi indiscreti. Camini accesi, tappeti su cui adagiarsi e buon vino rosso hanno poi fatto il resto. Si mormora anche che entrambi abbiano messo in primo piano la sintonia emotiva più che i fugaci e labili piaceri carnali. Roberta è una ragazza assai tradizionalista e non incline alle storie di una notte. E pare che anche Eros, dopo il trauma seguito alla separazione con Marica Pellegrinelli, voglia andarci con i piedi di piombo. A quei giorni da favola sono seguiti altri incontri, ore rubate agli impegni e alle distanze che li separavano. Con l’esplosione del Coronavirus e l’obbligo di quarantena hanno ripreso a sentirsi via smartphone. Ore e ore a condividere virtualmente i rispettivi quotidiani. Quasi il destino volesse suggerir loro di prendersi ancora un po’ di tempo per conoscersi e scegliersi. Perché la loro potrebbe davvero essere “una storia importante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *