George Floyd, manifestanti devastano il ristorante di Bastianich: «Hanno spaccato tutto e appiccato il fuoco»

Con gli Stati Uniti in fiamme per le proteste dopo la morte di George Floyd, gli atti di vandalismo ai danni delle attività commerciali, dei ristoranti e dei centri commerciali si contano ormai a decine: vittima di uno di questi atti di vandalismo è stato Joe Bastianich, il cui ristorante in Melrose Avenue a Los Angeles è stato preso d’assalto dai manifestanti nella notte tra sabato e domenica

Il locale, La Pizzeria Mozza e di Chi Spacca (due parti diverse dello stesso ristorante), è stato quasi distrutto: «Hanno spaccato il vetro e gettato benzina per bruciare gli interni, un disastro – ha raccontato lo stesso chef italo-americano ex giudice di Masterchef Italia – Hanno rubato il vino e gli incassi». «Tutti hanno il diritto di protestare e anche di agire per essere ascoltati – ha aggiunto – mi spiace però che una minoranza di persone sfrutti questi momenti per rubare o spaccare».

Leggi anche  Le cinque cose più costose di Rafa Nadal, il miglior tennista spagnolo nella storia dello sport

Bastianich ha però le idee molto chiare sulla protesta, nonostante il disagio ricevuto: «Siamo indignati, questo Paese non può avere futuro se non risolve questa ferita razziale. Se il costo per dare giustizia a Floyd è un ristorante bruciato, lo sopporto. L’importante è non stare in silenzio». Il ristorante dello chef ex volto di Masterchef stava peraltro per riaprire dopo due mesi di emergenza coronavirus: ora, prima di tornare all’attività, si dovrà ricostruire tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.