Alessia Marcuzzi e Paolo Calabresi, ancora insieme crisi alle spalle: ecco gli indizi

Fino a pochi giorni fa il mare era calmo, poi dal nulla è arrivata la bomba di Dagospia: “La Marcuzzi ha lasciato il marito”. E le acque si sono agitate: schiere di fotografi sotto casa della conduttrice, il telefono che squilla, l’obbligo di raccontare un rapporto che in tanti anni non ha mai avuto bisogno di essere spiegato. E allora per Alessia e Paolo hanno parlato le immagini, quelle pubblicate da Chi di una cena all’Antica pesa con tutta la famiglia e quelle di Paolo che entra in casa di Alessia anche se, questo hanno scoperto i fotografi, lui non dormirebbe sempre dalla moglie.

Sullo scorso numero vi abbiamo svelato che in casa di Alessia sono in corso lavori di ristrutturazione e, quindi, sarebbe questo il motivo per cui Paolo si appoggia ad una abitazione della sua famiglia. Anche perché quella in cui vive Alessia è la casa in cui abitano anche i suoi figli, e Paolo vive con loro, ma ha anche una propria abitazione. Il produttore è spesso in giro per lavoro, come Alessia, quindi fra i due è normale una certa indipendenza.

Come sta accadendo in questi giorni: mentre tutti scrivono che la Marcuzzi è con le amiche a Ponza, noi vi mostriamo le foto del weekend che ha trascorso con Paolo: sono stati a Sabaudia, ospiti di Giovanni Malagò, e sono andati in spiaggia sull’isola di Zannone con un nutrito gruppo di amici: a fare compagnia ad Alessia e Paolo c’erano i genitori e i figli della conduttrice oltre la coppia formata dall’ex calciatore Marco lardelli e dalla conduttrice Myrta Merlino. La Marcuzzi e il marito, come vediamo, sono insieme, il clima è sereno, quello di due persone che hanno visto mettere in discussione pubblicamente il proprio rapporto, e questo va al di là del fatto che la notizia sia fondata o meno: oggi, le loro reazioni, non possono essere spontanee, sapendo di avere i riflettori puntati come non era mai accaduto prima.

Leggi anche  “Pensavo di essere più forte”: l’umiliazione di Luxuria, sacrificata sull’altare degli ascolti

Quello che c’è fra di loro lo hanno sempre saputo solo loro. Dopo questi due giorni insieme Paolo è tornato a Roma al suo lavoro di produttore della Buddy film, mentre Alessia si è spostata nei pressi di Ponza con alcune amiche e con la propria famiglia. Presto sarà chiamata a condurre la seconda edizione di Temptation island, un programma che l’anno scorso aveva visto una grande partecipazione emotiva da parte sua, la capacità di entrare nelle storie, nelle crisi delle coppie in gioco e di mediare, di mettersi nei panni sia dell’uno che dell’altro. Quest’anno il tema sarà ancora più sentito. Prima di Paolo i suoi rapporti si erano chiusi all’improvviso, senza evidenti segnali di preavviso, ma sempre senza code velenose, tanto che la Marcuzzi è rimasta in ottimi rapporti con i suoi ex.

E una donna che nei legami ha sempre dato il massimo e che ha sempre vissuto ogni fase con entusiasmo ma poi, quando ha visto esaurirsi la carica di passione, di curiosità, di scoperta, ha saputo dire basta anziché trascinare stancamente le cose: “finimmo prima che lui ci finisse”, direbbe Claudio Baglioni. Con Paolo, dicevamo, è diverso, perché lui è stato un grande banco di prova per Alessia, perché è il rapporto con lui è il più duraturo e l’unico che sia sfociato nel matrimonio.

E, se durante la loro storia avrà avuto momenti di stanchezza e voglia di fuggire, ha saputo affrontare le tempeste come fossero temporali, ha saputo rimettere insieme i pezzi del mosaico che l’hanno portata da questo ragazzo della Roma bene che la “puntava’ ’ da quando erano ragazzini e che non ha mai voluto apparire, non è mai caduto nella trappola della notorietà che colpisce chi vive con una persona famosa. Un passo indietro, come adesso. Anche se, a volte, per dare scacco alla regina bisogna uscire dai propri schemi e fare un passo avanti, prima che una voce si insinui in un sentimento che ha saputo sempre rigenerarsi, anche in momenti non facili o non chiari come questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *