Imparare a prendersi cura di noi stessi è essenziale per diversi motivi. In primo luogo, e forse ora che siamo in una pandemia il più importante, perché se ci prendiamo cura di noi stessi, avremo una salute migliore e il nostro corpo sarà migliore per affrontare la malattia, che nel caso del COVID-19, questo può significare meno giorni di ricovero in ospedale e che il nostro caso sia meno grave.

È così che lo difende in un’intervista con Infosalus Nicolás Romero, specialista in Nutrizione e membro dell’Unità di Nutrizione Avanzata dell’ospedale Vithas Madrid Pardo de Aravaca, che ha appena pubblicato ‘Mangiare bene per stare bene’ (Ediciones Martínez Roca), un manuale con “molti esempi” che possono guidarci quando si tratta di prendersi cura di noi stessi nel nostro quotidiano.

Se rafforziamo la nostra cura, significa anche che non solo miglioreranno tutti gli aspetti della nostra salute, ma ritarderemo anche la comparsa dell’invecchiamento. “Cioè avremo più anni liberi da malattie associate all’invecchiamento, che di solito compaiono dopo i 40-50 anni. L’invecchiamento avviene intorno ai 25-30 anni e si consolida negli anni trenta, dove Cambia. A quell’età, o anche prima, è quando dobbiamo cominciare a prenderci cura di noi stessi perché quello che faremo nella nostra giovinezza determinerà come sarà la nostra vecchiaia “, avverte il collaboratore di TVE.

Quindi, spiega che prendersi cura di noi stessi significa non solo lavorare sulla nostra dieta, ma anche vegliare sul nostro sonno, fare esercizio o prendersi cura delle nostre emozioni, per esempio.

“Quando ci avviciniamo alla mezza età della vita, se ci prendiamo cura di noi stessi stiamo investendo sulla nostra salute. Se non facciamo nulla, in un decennio si innescheranno quelle malattie associate all’invecchiamento (obesità, colesterolo, ipertensione, diabete, ecc.). la malattia è stata coltivata dall’età di 30 anni, prima di raggiungere i 40, quindi, tutto ciò che faremo sarà molto vantaggioso per arrivare con più salute e ritardare il declino funzionale “, insiste il dott. Romero.

Leggi anche  Coronavirus e Sesso, tutto quello che c'è da sapere

Con questo contribuisce quelli che, a suo avviso, rappresentano i 4 passaggi principali per migliorare la nostra quotidianità, e sentirsi meglio, oltre ovviamente a migliorare la nostra salute:

1.- BUONA COLAZIONE COMPLETA.

Questo è il primo pasto della giornata. È fondamentale fare una buona colazione, non saltarla mai; devi sempre fare colazione. La colazione è meglio salata che dolce perché non si tratta solo di fornire calorie, ma anche di avere tutti i nutrienti necessari per riparare ciò che si è perso, tutto quel logorio accumulato, e affrontare la giornata con quei nutrienti necessari che provengono dai cereali (pane integrale) , frutta e latticini.

Infatti, l’esperto di Nutrizione osserva che dovrebbero essere a colazione: latte del tipo che desideri (200 ml di caffè con latte), una barretta di pane integrale con pomodoro grattugiato e olio d’oliva per esempio, insieme a un po ‘di proteine ​​( tonno, uova, formaggio o salmone affumicato) e due o tre noci, più un frutto. “Ciò rappresenterebbe una colazione standard di alta qualità nei nutrienti”, sottolinea.

2.- PRENDERSI CURA DELLA DIGESTIONE E DELLA REGOLARITÀ

A suo avviso è fondamentale raggiungere una regolarità intestinale quotidiana, e questo si può ottenere da una dieta adeguata con fibre e acqua “per andare in bagno come un orologio” e con digestioni adeguate, senza parlare troppo perché altrimenti ingoiamo aria, e mangiare quello che ci si addice dalla colazione.

“È molto importante iniziare la giornata per non avere stitichezza cronica. Fai attenzione anche alla digestione durante i pasti, non mangiare aria, cioè non parlare mentre mangi perché ingerisci aria, un fattore che rallenta il la digestione, poiché l’aria viaggia attraverso il tratto digerente, gonfia lo stomaco e a livello del colon può causare stitichezza. Questo di solito si verifica quando non smettiamo di parlare durante un pasto, o se mangiamo in luoghi rumorosi, o mangiamo sotto stress ” dottor Nicolás Romero.

3.- ATTIVARE LA MOTIVAZIONE

Attualmente, dice che ci sono molte circostanze in cui gli spagnoli hanno una “relazione molto tossica” di dipendenza da cibo, principalmente a causa di prodotti ultra elaborati, che attivano il sistema della dopamina, una sorta di sistema di piccole dimensioni ricompense.

Leggi anche  Coronavirus, dopo quanti giorni compaiono i primi sintomi: lo studio

“Dobbiamo lavorare per l’autocontrollo e le decisioni che prendiamo riguardo al cibo. Per questo è molto importante motivare noi stessi. Dovresti sempre proporci di imparare qualcosa di nuovo, motivarti per qualcosa di nuovo, perché renderà la tua giornata migliore. Quelle persone che abusano della memoria o anticipano troppo sono persone che non attivano bene il loro circuito motivazionale. Quando ti alzi non dovresti pensare a tutti i problemi ma fare una bella doccia di attivazione. Ogni boccone che prendi a colazione o qualsiasi pasto dovresti chiederti se ne hai bisogno o no “, sottolinea.

4.- GODETEVI SUBITO

Il dottor Nicolás Romero avverte che viviamo in un mondo in cui sembra che “dobbiamo essere di guardia tutto il tempo”, senza raggiungere la disconnessione tecnologica. “Dobbiamo imparare a goderci il presente, concentrarci sul momento e non anticipare, soprattutto non anticipare i problemi, perché solo allora questo ci disturberà dal punto di vista psicologico quando facciamo le nostre cose quotidiane”, sostiene. .

In definitiva, mette in evidenza che, nonostante la pandemia, devi sempre avere un atteggiamento positivo, goderti il ​​presente, di ciascuna delle cose che abbiamo, e non pensare a quello che avremmo potuto avere, o come era la nostra vita prima. Tutto questo.

“Non dobbiamo anticipare il futuro, cosa potrebbe accadere, soprattutto perché non lo sappiamo. Ecco perché è importante concentrarsi sul compito che stiamo svolgendo in questo momento. È molto importante imparare molto bene come prenderti cura di te stesso dal punto di vista del cibo, psicologico, pensa al presente, e segui puntualmente tutti i consigli di salute e prevenzione in questa pandemia, pensando che fai tutto ciò che è in tuo potere e che ciò che non dipende da te succederà perché non puoi controllarlo. Questo è il miglior atteggiamento di salute in questi tempi di pandemia, perché preoccuparsi eccessivamente non migliorerà le cose “, dice l’esperto dell’ospedale Vithas Nisa Pardo de Aravaca.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here