Si può davvero abbassare il colesterolo senza farmaci semplicemente cambiando il nostro cibo?

Durante i tanti anni in cui realizzo documentari scientifici ho coperto una vasta gamma di argomenti, ma ce n’è uno in particolare che mi interessa per motivi personali: il colesterolo.

Il mio albero genealogico è pieno di malattie cardiache e so che se non viene controllato, il mio colesterolo tende al rialzo.

E non sono l’unico a cui è stato consigliato di usare le statine per stabilizzarlo.

Tuttavia, le statine hanno effetti collaterali e molte persone sono riluttanti a passare la vita a prenderle.

Quindi, per l’attuale serie di “Fidati di me, sono un dottore” abbiamo voluto verificare se cambiare la tua dieta potrebbe abbassare il colesterolo con la stessa efficacia dell’assunzione delle pillole.

Abbiamo chiesto al dottor Scott Harding del King’s College di Londra di aiutarci a creare e implementare un piccolo studio su 42 volontari, tutti preoccupati per il loro colesterolo e volevano provare le opzioni prima di prendere i farmaci.

Abbiamo iniziato prelevando campioni di sangue per esaminare i suoi livelli di colesterolo totale.

Tre gruppi

Il colesterolo è una cosa complicata. La maggior parte viene prodotta nel fegato e quindi inviata alle cellule che ne hanno bisogno, legata a una lipoproteina chiamata LDL (lipoproteina a bassa densità).

Nuts

LDL è generalmente noto come “colesterolo cattivo” perché i suoi livelli elevati sono associati ad un aumentato rischio di malattie cardiache. HDL (lipoproteine ​​ad alta densità) è noto come “colesterolo buono” perché è ciò che rimuove il colesterolo dalle arterie al fegato.

Attualmente, si raccomanda che il livello di LDL non superi i 3 mmol / l (millimoli per litro) e che l’HDL rimanga al di sopra di 1 mmol / l. Dopo che i campioni di sangue sono stati prelevati, Scott divide casualmente i nostri volontari in tre gruppi.

Ogni gruppo modificherà la propria dieta in modo speciale. Il primo gruppo sarà sottoposto a una dieta tradizionale a basso contenuto di colesterolo. Viene chiesto loro di passare da alimenti con grassi animali – latte intero, formaggio, burro – a cibi a base vegetale ea basso contenuto di grassi.

Viene inoltre chiesto di non mangiare uova, pancetta, salsicce e di evitare la pelle di pollo.

Al secondo gruppo non viene chiesto di rinunciare a nessun alimento, ma alla dieta vengono aggiunti 75 grammi di farina d’avena al giorno, equivalenti a tre porzioni. L’avena è ricca di fibre e le fibre, sia che provengano da cereali, legumi o verdure, tendono ad abbassare il colesterolo aderendo ai grassi e al colesterolo nell’intestino, impedendone l’assorbimento. Anche il terzo gruppo ha continuato a mangiare normalmente, ma ha aggiunto 60 grammi di mandorle (due manciate) al giorno alla propria dieta.

Quattro settimane

Recentemente, noci come mandorle, noci e nocciole sono diventate molto popolari grazie a studi che suggeriscono che hanno poteri per abbassare il colesterolo. Questi tipi di frutta a guscio sono ricchi di fibre e steroli vegetali che possono ritardare l’assorbimento di grassi e colesterolo. Con le loro schede dietetiche in mano, i nostri felici volontari sono stati inviati a provare i loro nuovi trattamenti per quattro settimane.

Invece di una sola dieta, volevo vedere se la combinazione di elementi di tutte e tre le diete avrebbe avuto un effetto maggiore. Quindi ho ridotto un po ‘la pancetta e gli hot dog e ho aggiunto mandorle e farina d’avena alla mia dieta.

Questo approccio si basa su qualcosa chiamato Portfolio Diet, sviluppato da David AJ Jenkins a Toronto. L’idea è di combinare molti approcci volti ad abbassare il colesterolo allo stesso tempo. La dieta completa comprende non solo noci e avena, ma anche steroli vegetali e semi di soia. Gli steroli vegetali si trovano in frutta, verdura e noci, ma in piccole quantità. Sono anche usati negli yogurt e nelle margarine fortificate.

I prodotti a base di soia come il latte o le proteine ​​sono conosciuti come un’alternativa sana ai latticini, ma alcuni anni fa l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare ha negato i presunti benefici della soia, sostenendo che la maggior parte degli studi scientifici non lo dimostra.

Sembra che la soia agisca inibendo la sintesi del colesterolo nel fegato. Si consigliano quantità comprese tra 15 e 25 grammi per ottenere il massimo effetto.

Risultati

La dieta Portfolio funziona? Uno studio pubblicato nel 2011 ha concluso che i volontari che hanno provato la dieta per sei mesi hanno sperimentato una riduzione di circa il 13% del colesterolo LDL.

I migliori risultati sono stati ottenuti da chi ha seguito al meglio la dieta.

Allora come si sono evoluti i nostri volontari?

I risultati non sono stati quelli previsti. La prima sorpresa ci è stata data da chi mangiava le mandorle.

“La metà del gruppo ha avuto una risposta positiva”, mi ha detto Scott. “E un individuo ha sperimentato una riduzione del 18% del colesterolo totale. D’altra parte, alcuni hanno avuto una risposta avversa. Il loro livello di colesterolo è effettivamente aumentato in modo significativo in alcuni casi”.

L’aumento dei livelli di colesterolo in alcuni di coloro che hanno mangiato mandorle ha bilanciato il calo in altri. In media, non ci sono state modifiche.

Chi ha mangiato la crema di farina d’avena e il gruppo nutrito con una dieta a basso contenuto di grassi animali ha fatto abbastanza bene, con un calo medio del colesterolo LDL del 10% e del 13%, rispettivamente.

La sorpresa più grande, tuttavia, sono stata io. Il mio colesterolo LDL è sceso di un impressionante 42%. È la stessa cosa che sperimenta la maggior parte delle persone che assumono statine.

Perché è andata così bene per me? È difficile saperlo. Potrebbe essere che il mio approccio combinato funzioni meglio che fare le cose in isolamento, oppure potrebbe essere che il mio corpo risponde molto di più alla combinazione di avena, mandorle e niente pancetta rispetto alla maggior parte delle persone.

Quindi la risposta è sì, puoi abbassare il colesterolo in modo significativo con piccoli cambiamenti nella dieta, ma per ottenere un effetto simile alle statine, probabilmente dovrai combinare una varietà di approcci.

Il miglior consiglio sarebbe quello di fare un esame del sangue prima e dopo qualsiasi cambiamento nella dieta per capire cosa funziona meglio per te.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *