Chi è Eva Braun, la moglie di Adolf Hitler? I suoi figli, causa morte

Si potrebbe sostenere che il più grande errore di Eva Braunse sia stato innamorarsi dell’uomo sbagliato. La nativa di Monaco non ha raggiunto l’età di 35 anni, ma la sua vita è stata frenetica. La sua vita riecheggiava cronologicamente temi di gioia, speranza, romanticismo, disperazione e tragedia fino a quando finalmente si suicidò nel 1945. La seconda metà della sua vita potrebbe essere legata a un uomo, probabilmente il dittatore più famoso del mondo dai primi anni del 1900. – Adolf Hitler.

Eva aveva 17 anni quando incontrò Hitler. A quel tempo, lavorava per uno dei suoi dipendenti. Il loro incontro si trasformò presto in una relazione romantica, anche se ben nascosta al pubblico, in modo che non interferisse con la loro reputazione e immagine. Il suo desiderio di lunga data di essere ufficialmente riconosciuta come moglie di Adolf non è avvenuto fino a un giorno prima del suo suicidio. È interessante notare che, nella vita, non lo ha mai visto come lo spietato dittatore che era.

Chi è Eva Braun, la moglie di Adolf Hitler?

Eva Anna Paula Braun nacque a Monaco di Baviera, in Germania, il 6 febbraio 1912 da Friedrich Braun, un insegnante di scuola tedesca, e Franziska Kronberger, una sarta. Dal matrimonio nacquero anche altri due figli, Ilse Braun, che era più grande di Eva, e Gretl Braun, che era più giovane.

I suoi anni di crescita non erano niente di diverso da quelli della maggior parte delle ragazze adolescenti dell’epoca. Era interessata alla moda, al trucco, alle relazioni romantiche e a tutto ciò che occupava le menti dei suoi coetanei.

Durante il suo periodo in una scuola cattolica, Eva ha conseguito qualifiche medie e non era realmente interessata all’istruzione. Alla fine abbandonò l’istituto e studiò in una scuola di business affiliata a un cattolico per un anno. Dopo i suoi giorni di scuola, ha assunto diverse descrizioni di lavoro, tra cui la commessa e successivamente come impiegata e apprendista fotografa di Heinrich Hoffman, fotografo ufficiale di Adolf Hitler. Fu attraverso di lui che fu presentato a Hitler nel 1929 mentre era nel negozio di Heinrich. All’epoca aveva solo 17 anni, mentre Hitler ne aveva 40.

Leggi anche  Fidanzato, fratello e genitori di Zac Efron

Nei primi anni 1930, Eva Braun e Hilter divennero più intimi nonostante la profonda opposizione del padre ad esso. Ciò fu particolarmente dopo che la nipote di Hitler, Geli Raubal, che era anche la sua amante e coinquilina, si era tolta la vita. Tuttavia, il dittatore tedesco continuò a concentrarsi maggiormente sulle sue ambizioni politiche a scapito della sua relazione con Eva. Nel 1932, presumibilmente nel tentativo di ottenere la sua attenzione, cercò di suicidarsi e fallì.

Dopo il suo tentativo di suicidio, Hoffman promosse Braun, che aveva imparato le corde del business della fotografia, e divenne parte dell’entourage di Hitler durante i suoi numerosi viaggi.

Tentò di nuovo il suicidio tre anni dopo, nel 1935 ingoiando una manciata di sonniferi. Questa volta, Hitler ricevette il promemoria. Iniziò a passare più tempo con lei, le prese un appartamento e poi la trasferì nella sua casa berghof nelle Alpi bavaresi nel 1936. Ma anche se le ha dato più tempo, la relazione della coppia non è mai stata resa pubblica, non hanno mai partecipato a eventi o funzioni pubbliche insieme.

Eva Braun si dedicò alla macchina da guerra tedesca fino alla morte, ma non la vide mai come il mostro che i suoi tedeschi accusarono di essere. Non avendo un briciolo di influenza sulle sue decisioni e inclinazioni politiche, si concentrò sul dedicare il suo tempo al suo tempo libero. Visitava spesso i cinema, faceva shopping e praticava sport come il nuoto, lo sci e la ginnastica.

Leggi anche  In viaggio con Massimo Cannoletta, ci porta in Salento

Qual è stata la causa della sua morte?

Inizialmente, mentre le campane della guerra incombevano, Eva Braun non era preoccupata. Cominciò ad agitarsi solo verso la fine della guerra. Questo perché l’alleanza tripartita di Germania, Italia e Giappone stava perdendo la guerra contro gli Alleati, ora noti come Nazioni Unite, e Hitler era sempre più irrequieto.

Molti dei compatrioti di Hitler fuggirono per paura della loro vita, ma Eva Braun fu una delle poche persone che rimasero al suo fianco. Le potenze dell’Asse continuarono a perdere in prima linea e diversi tentativi furono fatti nella vita di Hitler lasciandolo scosso e spesso ferito.

Vedendo la sua incrollabile lealtà nei suoi confronti, Hitler finalmente sposò Eva il 29 aprile 1945. Era una cerimonia privata che si svolgeva nei locali del suo bunker. Il giorno dopo, il 30 aprile 1945, per paura di essere catturata dalle truppe nemiche, Eva si sedette nello studio accanto al marito appena sposo, che si era sparato alla testa e aveva morso una capsula di cianuro, uccidendosi. I loro corpi furono portati fuori e bruciati nel giardino della Cancelleria del Reich.

Eva Braun ha avuto figli?

Molti hanno faticato a capire il tipo di intimità che Eva condivideva con Hitler. Per una donna il cui status di moglie non era noto fino a dopo la sua morte, ci sono molte indicazioni che la loro relazione riguardava più l’impegno e meno l’intimità. È opinione diffusa che anche nei loro ultimi giorni nel bunker, Braun e Hitler non condividessero lo stesso letto o camera da letto. Secondo quanto riferito, Hitler non ha mai voluto avere figli, quindi forse non sorprendentemente, Eva Braun è morta senza avere figli suoi.

Leggi anche  Maurizio Vandelli chi è? Età, canzoni, moglie, figli, e vita privata

Brevi informazioni su Eva Braun

1. Eva ha frequentato una scuola cattolica di business per un anno.

2. Iniziò una relazione segreta con Hitler nei primi anni 1930 nonostante il veemente avvertimento e l’opposizione di suo padre.

3. Mentre firmava il suo certificato di matrimonio con il suo nuovo nome Eva Hitler, ha prima scritto la lettera “B” che rappresenta la sua famiglia prima di cancellarla e scrivere invece “Hitler”.

4) Hitler, il marito di Eva, fece testare le pillole di cianuro che aveva ordinato per il suicidio sul suo cane Blondi. Blondi fu uccisa a colpi d’arma da fuoco il 29 aprile 1945 e i suoi cuccioli insieme ai cani di Eva, Negus e Stasi furono uccisi il giorno successivo, dopo la morte di lei e Hitler.

5. Eva e Hitler si presero il tempo di dire addio ai loro amici e confidenti più cari circa due ore prima di ritirarsi nello studio di Hitler e suicidarsi.

6. Eva ha optato per la capsula invece di uno scatto perché voleva “apparire bella nella morte”.

7. I corpi di Eva, Hitler e pochi altri furono riesumati da una squadra sovietica del KGB nel 1970 e cremati. Le sue ceneri furono gettate nel fiume Biederitz.

8. L’intera famiglia di Eva Braun sopravvisse alla guerra.

9. Sua sorella minore, Gretl, chiamò sua figlia in nome di Eva.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *