Sapete chi è Maria Zulima Job la figlia di Lina Wertmüller

Giovedì 9 dicembre il Ministero dei Beni e le Attività Culturali e La Repubblica hanno reso pubblica la notizia della scomparsa di Lina Wertmüller, la visionaria regista italiana che ha fatto la storia diventando la prima donna nominata all’Oscar per la miglior regia. Secondo Variety, un amico di Wertmüller è stato incaricato di informare la stampa italiana che la regista è morta “senza soffrire, a casa e con sua figlia e i suoi cari”. Aveva 93 anni.

Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich, meglio conosciuta come Lina Wertmüller, è nata il 14 agosto 1928 a Roma e si dice che sia stata espulsa da più di una dozzina di scuole cattoliche durante la sua infanzia. Tuttavia, ha finito per ottenere il titolo di insegnante e si è iscritta sia alla laurea in giurisprudenza che all’Accademia Stanislavskica di Arte Drammatica di Roma, secondo il New York Times. Wertmüller ha poi coltivato il suo amore per il teatro lavorando come burattinaio, attrice e regista teatrale.

Ma ciò che ha dato impulso alla sua carriera cinematografica è stato l’incontro con il famoso regista Federico Fellini, che l’ha assunta come assistente alla regia per il suo influente lungometraggio 8 1/2 (1963). “Ho incontrato Fellini e tutto è cambiato da quel momento in poi”, ha detto alla rivista Variety nel 2018. “Sono stato in grado di conoscere un modo di fare film che è rimasto dentro di me per sempre.” Wertmüller ha iniziato a dirigere negli anni ’60, anche se il suo film di svolta non è arrivato fino al 1972 per mano di Mimí metalúrgico, ferito in suo onore, seguito da Amore e anarchia (1973).

Leggi anche  Pif è molto geloso della compagna Nabila Ben Chahed madre di sua figlia

Pasqualini: Seven Beauties, la commedia drammatica della seconda guerra mondiale di Wertmüller, uscita nel 1975, le è valsa una nomination all’Oscar come sceneggiatrice e regista, diventando la prima donna nominata nella categoria regia. Il film ha anche ottenuto nomination come miglior film in lingua straniera e miglior attore, in questo caso per Giancarlo Giannini. Sebbene non abbia vinto in quell’occasione, Wertmüller ha ricevuto un Oscar onorario nel 2019 insieme a David Lynch, Wes Studi e Geena Davis. “Vorrebbe cambiare il nome di Oscar in uno femminile”, disse Isabella Rosselliniall’epoca, fungendo da interprete per il suo discorso di ringraziamento. “Vorrebbe chiamarlo ‘Anna’. Donne nella stanza, per favore gridate: Vogliamo Anna, vogliamo un Oscar femminile!”

Leggi anche  Georgina Rodriguez, la ex commessa che ha conquistato il cuore del campione Cristiano Ronaldo
Lina Wertmuller sul set di Pasqualino sette bellezze nell'agosto 1975 Npoles.nbsp

Wertmüller è una delle (appena) sette donne nominate per un Oscar come miglior regista nei quasi 100 anni di storia del premio. È affiancata nella lista da Jane Campion,nominata per The Piano, Sofia Coppola per Lost in Translation, Kathryn Bigelow per In Hostile Land (la prima regista a vincerlo), Greta Gerwig per Lady Bird, Emerald Fennell per An Up-and-Coming Young Woman e Chloé Zhao per Nomadland (la seconda regista a ottenerlo).

“È stata la reazione dei media che mi ha fatto capire l’importanza della mia nomina”, ha spiegato Wertmüller nel 2018. “Dopo essere stato negli Stati Uniti, sono stato inondato di richieste di interviste da canali televisivi e giornali. Qualcuno mi ha detto che la notizia annunciava la nomination come se fosse un evento storico. Anche se in realtà, visto a posteriori, lo era, soprattutto per le donne di tutto il mondo. Ancora oggi continuo a ricevere lettere di ringraziamento da registe che dicono di essere state ispirate dalla mia carriera”.

Leggi anche  Questa è l'incredibile collezione di auto Sylvester Stallone che non ti aspettavi

Dopo aver battuto i record con le sue nomination, Wertmüller firmò un contratto di quattro film con la Warner Bros. che fu risolto dopo il fallimento al botteghino (e dalla critica) che fu In una notte piena di pioggia (1978), il suo debutto in lingua inglese. “Devo essere onesta: ero un po’ sollevata”, ha detto a Variety,riferendosi alla risoluzione di quel contratto. “Negli Stati Uniti non mi sentivo libero di lavorare come ero abituato, con la stessa libertà creativa, di poter cambiare una frase della sceneggiatura poco prima delle riprese, che è ciò che ha reso grande il cinema italiano”. Ha aggiunto: “Non è un caso che Fellini non abbia mai accettato di lavorare negli Stati Uniti”.

Tra gli ultimi film di Wertmüller ci sono La vedova indomita (1978),Scherzo del destino (1983), Sotto… sotto… strapazzato da anomala passione (1984), En una noche de claro de luna (1989) o Francesca (2001). È stata sposata con lo scenografo Enrico Job fino alla sua morte nel 2008 ed è sopravvissuta a sua figlia, Maria Zulima Job.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *