Pinocchio, la vera storia e tutti i personaggi

La favola di Pinocchio ha come protagonista un burattino di legno che prende vita mentre il falegname Geppetto cerca di scolpirlo. Il racconto originale fu scritto da Carlo Collodi nel 1882 e fu pubblicato sul Giornale per i bambini.

In Mundo Primaria abbiamo fatto un adattamento di questo testo originale in modo che bambini e adulti possano leggerlo. Il tuo naso crescerà quando mentirai?

Pinocchio La storia originale adattata per i bambini

C’era una volta un falegname di nome Mastro Cereza, era il più antico artigiano della regione e le sue mani rugose erano in grado di realizzare autentiche opere d’arte con il legno. Nonostante la sua età avanzata, ogni giorno il Maestro Cherry saliva in cima alla montagna per tagliare il legno di cui aveva bisogno per fare il suo lavoro.

Una fredda mattina d’inverno, Cherry trovò uno strano ceppo di legno nel mezzo del boschetto della foresta. Aveva un colore meraviglioso, sembrava quasi brillare. Inoltre, di fronte all’aspetto ruvido e selvaggio dei tronchi della zona, questo sembrava essere già stato lucidato e trattato con vernice. Il vecchio falegname lo legò alla schiena e tornò alla sua bottega, pensando a quanto sarebbero rimasti stupiti tutti gli abitanti della città nel vedere il tavolo che poteva essere scolpito con quel legno spettacolare.

Arrivato al laboratorio, il maestro preparò rapidamente i suoi strumenti e quando stava per tagliarlo, il pezzo di legno cominciò a parlare.

No, non farmi del male! Per favore…

Il maestro falegname pensò di sognare, si strofinò gli occhi e afferrò il suo pugno preferito. Molto lentamente, ha messo la punta sul legno e ha spremuto un po ‘…

Ahimé! Ahimé! Non pungermi!

Spaventato, Mastro Cereza pensò che fosse una buona idea sbarazzarsi di lui immediatamente. Se lo avesse detto a qualcuno, avrebbe pensato di essere pazzo, così l’ha lasciata sul tavolo e si è messo il cappotto per uscire a prendere l’aria, non appena ha aperto la porta pum! si imbatté nel suo vicino Geppetto, che era alla porta.

Il quartiere in cui entrambi vivevano era il luogo dove lavoravano e vivevano tutti gli artigiani del legno, c’erano falegnami, ebanisti, calzolai … Geppetto faceva scarpe e pupazzi e quella mattina era andato dal Maestro Cherry per raccontargli un nuovo progetto che aveva in mente…

Voleva fare un burattino! ma non uno qualsiasi, il suo burattino sarebbe il più grande della città, quasi delle dimensioni di un vero bambino.

Poi, maestro Ciliegio vide l’opportunità di liberarsi di quello strano baule di legno, lo diede a Geppetto e questo, impazzito di contentezza, tornò a casa con il pezzo di legno sotto il braccio, pensando al nome che avrebbe dato al burattino: “Lo chiamerò Pinocchio!” “Quel nome ti porterà fortuna!”

Quando è arrivato nel suo laboratorio, ha iniziato a scolpirlo, ma improvvisamente…

“Oh, mi hai fatto del male!” disse il pezzo di legno…

Con sua sorpresa, il pezzo di legno stava parlando con Geppetto. Per quanto impossibile possa sembrare, il fatto che quel pezzo di legno parlasse, non gli disturbava… Ha preso un panno, gli ho passato sopra della vernice e mi ha detto, calma, ti scolpirò molto lentamente, non noterai più di qualche solletico.
L’uomo buono, entusiasta, continuò il suo lavoro: prima modellò la testa, i capelli e poi gli occhi, che immediatamente iniziarono a guardarlo. Si era appena fatto il naso quando una fredda mano di legno gli tolse gli occhiali.

Senza di loro, Geppetto non vide nulla e poté solo sentire le risate che uscivano dal burattino.

Geppetto, con le lacrime agli occhi, esclamò: “Che figlio malizioso! Non ti ho ancora finito e stai già iniziando a farmi ridere »

Lavorava tutta la notte senza lasciare il sito, il giorno dopo, c’era un burattino delle dimensioni di un bambino seduto al tavolo di lavoro.

Il gentile calzolaio cercò di insegnargli a camminare. Pinocchio, con le gambe distese, fece un paio di passi maldestri e poco dopo cominciò a correre per la stanza e Geppetto dietro, impossibilitato a raggiungerlo, finché il burattino aprì la porta uscì in strada.

Geppeto cercò di catturarlo, ma Pinocchio corse più veloce di lui e anche se il povero calzolaio continuava a gridare: “Fermati! Non correre! » la gente rideva della scena e nessuno li aiutava.

Fortunatamente un soldato, dopo aver sentito le urla, mise il passo a Pinocchio, che inciampò e rimase a terra.

Ti tirerò le orecchie! ” disse il soldato. Hai derubato questo vecchio?

Pinocchio, molto spaventato non parlò, guardò solo con quegli occhi enormi il padre affaticato. Geppetto, spaventato come Pinocchio si scusò con il soldato, gli disse che era solo un gioco e che non sarebbe più successo. Così il soldato lasciò andare Geppetto e Pinocchio, ma non prima di dover ascoltare un buon rimprovero.

Il burattino abbracciò il padre: “Mi comporterò bene, ti aiuterò in officina, andrò a scuola e sarò io a prendere i voti migliori!” esclamò felice.

Geppetto, commosso, rispose: “Ti ringrazio per le tue buone intenzioni, ma non abbiamo nemmeno i soldi per comprare i libri”.

Entrambi tornarono al laboratorio in silenzio… Stava iniziando a nevicare.

Una mattina, Pinocchio aveva sonno quando sentì un rumore alla porta. Qualcuno stava cercando di aprire dall’esterno. Pensando che fossero ladri, Pinocchio si sporse dalla finestra e lì vide suo padre tremare al freddo mentre teneva con una mano una borsa di stoffa e con l’altra cercava di aprire la porta del laboratorio.

  • “E il cappotto, papà?”
  • “L’ho venduto!”
  • “Perché l’hai venduto?”
  • “Perché alla mia età non ho bisogno di avere un cappotto!” e poi tirò fuori un vecchio libro dalla borsa di stoffa.

Pinocchio saltò al collo di Geppetto per baciarlo… Aveva venduto il suo cappotto per comprare libri! Ora potevo andare a scuola.

L’inverno era finito, aveva smesso di nevicare e Pinocchio, con il nuovo programma sotto il braccio, andò a scuola pieno di buoni propositi.
“Oggi voglio imparare a leggere, domani voglio imparare a scrivere e dopodomani imparerò a fare conti. Poi farò un po’ di soldi e comprerò una giacca nuova da Geppetto. Se lo merita”.
La sua fantasia fu interrotta dall’improvviso suono lontano di un’orchestra di strada e Pinocchio, dimenticando la scuola, si ritrovò in una piazza piena di gente che si affollava intorno a un piccolo negozio di tessuti dai colori vivaci.

  • “Cos’è quello spettacolo?” Chiese a un ragazzino.
  • “Non riesci a leggere? È il Grand Puppet Theatre! «
  • “Quanto costa entrare?”
  • “Quattro monete” L’altra, rispose.
  • “Chi mi dà una moneta per questo libro?” chiese a Pinocchio ad alta voce mentre tirava fuori il suo libro di matematica dalla borsa.

Un collezionista di carta acquistò tutti i libri di Pinocchio e riuscì ad entrare nel teatro. Povero Geppetto, i suoi sacrifici erano stati vani.

Appena entrato in teatro, uno dei burattini in movimento sulla scena notò la sua presenza e cominciò a gridare: “C’è Pinocchio! C’è Pinocchio!”
“Vieni qui! Vieni con noi! Evviva Pinocchio, nostro fratello! » tutti i burattini cominciarono a gridare in coro.

Leggi anche  Michael Schumacher, le ultime notizie e tutto quello che devi sapere

Pinocchio salì sul palco e cominciò a ballare goffamente al ritmo della musica.

Poi uscì Florencio, il burattinaio, un uomo grande, spaventoso che amava solo se stesso, con gli occhi fissi su Pinocchio “Cosa sta succedendo qui? chi sei?”

Florencio è rimasto stupito nel vedere Pinocchio… Era abituato a ottenere tutto ciò che voleva, sapeva che con i soldi poteva comprare qualsiasi cosa, e il denaro era l’unica cosa che gli importava… Un burattino che parlava! era qualcosa che nessun altro burattinaio al mondo aveva…

Presto immagino il grande flusso che accumulerebbe se quel bambino di legno lavorasse per lui. Si immaginava già di girare il mondo…

FERMATI E VEDI PINOCCHIO, IL RAGAZZO DI LEGNO

Aveva un gancio!

No, no, meglio…

PINOCCHIO IL BURATTINO UMANO

Ahhhh, il suo spettacolo sarebbe galattico…

Ma Florencio era molto intelligente, sapeva che se qualcuno lo avesse reclamato, il suo spettacolo si sarebbe rovinato. Così fece sedere Pinocchio su uno sgabello e gli offrì dolci ricchi e cibo sostanzioso. Pinocchio non aveva mai visto così tanto cibo e così ricco, così ha iniziato a mangiare e mangiare fino a quando non ce l’ha fatta più. In seguito, Florencio le offrì un letto, era così grande e soffice!

Pinocchio si addormentò subito.

Le ore passavano e Pinocchio dormiva su una gamba sciolta, nel frattempo il burattinaio, in fretta e furia aveva ripreso il suo spettacolo e aveva già cavalcato nella sua carrozza da fondo per ore. Voleva allontanarsi dal paese in cui viveva Pinocchio prima che qualcuno potesse venire a prenderlo.

Pinocchio si svegliò molto assetato, nel cuore della notte. Fece capolino spaventato dall’apertura di un panno e vide lo spessore della notte nella foresta. Poi cominciò a provare una paura enorme quando si sentiva così lontano da casa e soprattutto quando pensò allo spavento che Geppetto dovette avere quando vide che non era tornato da scuola.

Cosa voleva fare Florencio con lui?

Passarono ancora un paio d’ore e la carrozza si fermò. Florencio guardò fuori per vedere se Pinocchio era ancora addormentato, e questo, molto intelligente, finse di russare. Poi Florencio si tolse le scarpe, lasciò il cappello su un chiodo sul soffitto e andò a dormire.

Dopo un po’, Pinocchio uscì molto lentamente attraverso il buco che rimaneva tra i tessuti della carrozza, una volta toccato terra, corse senza guardare indietro in direzione del suo paese. Stava tornando a casa in fretta, quando incontrò un gatto mezzo cieco e una volpe zoppa e non riuscì a resistere alla tentazione di fermarsi a parlare con loro.

Quando i due ascoltarono la sua storia, capirono di essere stati fortunati. Un burattino parlante li tirava fuori dalla povertà e pensavano che se fossero stati più intelligenti del burattinaio, avrebbero ingannato Pinocchio e sarebbero stati fatti d’oro.

A Pinocchio è stato detto che non poteva presentarsi a casa senza un regalo. Se voleva che Geppetto lo perdonasse, doveva offrirgli qualcosa che gli facesse dimenticare la rabbia.

  • “Conosciamo un campo magico di coltivazione”
  • “Ma non è possibile!” Pinocchio chiese, stupito.
  • “Te lo spiego.” disse la Volpe.
  • “Nella terra del Barbagianni c’è un campo chiamato da tutti “Campo dei Miracoli”, dove se metti una moneta d’oro in un piccolo buco, il giorno dopo trovi un bellissimo albero pieno di nuove monete!

Pinocchio, ingenuamente, si lasciò convincere dai due falsi amici e finì a “La taberna del Gamberro” per celebrare il loro incontro e la loro futura ricchezza.
Dopo il pranzo e una breve pausa, tutti dovevano radunarsi a mezzanotte per raggiungere il Campo dei Miracoli, ma Pinocchio, svegliato dall’oste era stato ingannato di nuovo… Come poteva quell’invenzione che dicevano essere possibile! Volevano ingannarlo proprio come il burattinaio.

Approfittando del silenzio in osteria, Pinocchio uscì da una finestra e poi “pum!” il oste lo afferrò per la gamba.

Dove credi di andare! volevi andartene senza pagare eh?

Spaventato, Pinocchio cercò di spiegare cosa stesse succedendo, ma l’oste, un uomo molto bruto, non capì nulla, e pensò che Pinocchio volesse ingannarlo. Le urla che il custode della taverna ha dato hanno raggiunto la sala principale, dove era seduto un famoso direttore di circo che ha girato la regione alla ricerca di stranezze straordinarie.

Incuriosito dalla discussione, il Maestro Lui sbirciò in cucina, dove il oste scuoteva Pinocchio mentre gli urlava contro.

O mi paghi o ti porto da tuo padre per l’orecchio!

Poi, vedendo Pinocchio che l’unico modo per sfuggire era ingannare il oste, disse “Non ho un padre” e come per magia, il naso di Pinocchio cominciò a crescere…

I tre che assistettero alla scena rimasero sbalorditi, primo Pinocchio che toccò il suo lungo naso appuntito mentre strizzava gli occhi. Poi l’oste che spaventato, pensò che una cosa del genere potesse essere solo opera di stregoneria e decise di perdonare il debito e lasciarlo andare… E infine il Maestro Lui, che ha visto in quella rarità il pezzo principale di un nuovo spettacolo per il suo circo.

Così il Maestro Lui segue Pinocchio da vicino per le strade, cerca di aspettare il momento giusto per avvicinarsi a lui, quando improvvisamente il suo naso viene agganciato in una fogna e non importa quanto si tiri indietro non riesce a liberarsi. Il Maestro Lui, capisce che è il momento ideale, si avvicina a Pinocchio da dietro e dice, calmati, ti aiuterò a fuggire.

Pinocchio si lascia ingannare dall’aspetto di quell’uomo, che indossa un lungo cappello di velluto viola, una giacca elegantissima dello stesso colore e un bastone d’oro. Con i guanti bianchi afferra il naso di Pinocchio e tira forte da un lato e poi da un altro.

Ma non c’era modo, il naso di Pinocchio era bloccato in quella fogna. Allora il Maestro Lui gli disse “Ci vorrà dell’olio, resta qui mentre vado a prenderlo” Pinocchio non aveva scelta, così annuì come poteva e guardò come quell’uomo se ne andava con il suo bastone.

Passarono i minuti e dalla fogna, Pinocchio sentì una voce “Dovresti uscire di qui il prima possibile Pinocchio, Geppetto ti sta cercando”

Pinocchio non sapeva se stesse sognando, ma quella voce proveniva da un piccolo grillo verde che lo guardava dall’interno della fogna.

  • Cosa stai dicendo! Chi sei?
  • Io sono Pepito, la vostra coscienza e sono qui per aiutarvi a mettervi sulla strada giusta.
  • Che assurdità! Un grillo che parla, che stupidità.
  • Pinocchio… non sei un burattino parlante?
  • No, sono un vero bambino!

In questa discussione si incontrarono, quando il Maestro Lui apparve di nuovo con una bottiglia d’olio, senza una parola, versò qualche goccia sul naso di Pinocchio e lo tirò. Così Pinocchio era libero, ma non aveva la minima possibilità di fuggire, poiché Lui lo afferrò strettamente per le gambe e lo mise in un sacco.

“Ora lavorerai per me, ti ho salvato la vita”, disse Lui mentre rideva…

Nell’oscurità del sacco, quel grillo apparve di nuovo…

“Pinocchio, devi fare del bene, il tuo atteggiamento disobbediente non ti sta portando sulla strada giusta”

Leggi anche  Le cinque cose più costose di Rafa Nadal, il miglior tennista spagnolo nella storia dello sport

Ma Pinocchio non aveva voglia di ascoltare i discorsi, così Pepito scomparve di nuovo.

Passarono i giorni e Pinocchio dovette lavorare nel circo di Lui, era una delle principali attrazioni, poiché aveva imparato che se diceva una bugia, il suo naso cresceva rapidamente e questo era molto divertente per il pubblico che veniva da tutte le regioni del paese per vedere uno spettacolo del genere.

Ben presto, la voce si diffuse nel villaggio dove un triste Geppetto stava ancora intagliando scarpe… Geppetto era determinato a trovare Pinocchio e una notte fece un sogno… Una fata si sedeva ai piedi del suo letto e glielo diceva

«Pinocchio è puro di cuore, ma non presta attenzione alla sua coscienza, se gli fai imparare a distinguere il bene dal male, ti concederò quello che entrambi volete e Pinocchio cambierà il legno per la carne e l’osso»

Geppetto si svegliò agitato, sudato e con gli occhi ben aperti. Non sapevo se fosse stato un sogno, ma ero determinato a trovare Pinocchio… Vendeva tutti i suoi attrezzi, il suo laboratorio e persino il letto. Con questo affittò un asino e tenne alcune monete per poter pagare la libertà del figlio di legno.

Partì per la lontana regione dove si trovava Pinocchio, ma ogni volta che Geppetto appariva, il circo aveva appena lasciato la zona e doveva cercarlo di nuovo.

Col passare del tempo, Pinocchio stava cadendo nel più assoluto dei dolori… Se fosse stato buono, se fossi andato a scuola quel giorno…” Questa tristezza era ancora peggiore quando si ricordò di Geppetto… Suo padre, povero e solo, cosa penserebbe di lui… Col passare del tempo, Pinocchio ha iniziato ad atrofizzarsi… Le sue agili membra di legno si stavano irrigidendo dal dolore e a poco a poco ha iniziato a perdere la mobilità … Era di nuovo un ceppo di legno.

Un giorno, il Mestro Lui apparve nella stanza dove dormivano Pinocchio e tanti altri… Puntò il dito contro di lui e un uomo molto basso che era dietro Lui disse “Ti do 10 monete per lui” Lui annuì e il omino si avvicinò a Pinocchio strofinandosi le mani…

Era un produttore di giocattoli di un paese lontano. Nella sua collezione aveva tutti i tipi di bambole e bambole rare… Ma una che parlava! Nessuno l’aveva visto. Legò Pinocchio mani e piedi e lo portò appeso al dorso di un mulo verso il porto. Ci aspettava un’enorme nave che avrebbe attraversato il mare per giorni per raggiungere l’altro lato della terra, dove Pinocchio avrebbe fatto parte dell’enorme collezione del collezionista.

Mentre il mulo trasportava Pinocchio, dalla sua tasca apparvero le minuscole antenne del grillo Pepito che cominciò a salire con difficoltà tra i vestiti di Pinocchio fino a quando non si mise sul petto, lo afferrò per il naso e disse molto seriamente:

“Ora mi ascolterai! Geppetto ti cerca da giorni, penso che tu abbia imparato la lezione, è ora che tu apprezzi quello che hai, se non lo fai e continui a comportarti male, continueranno a trattarti male, hai capito?”

Pinocchio annuì, non sapeva cosa dire. Pepito il grillo della coscienza schioccò le dita e le corde che legavano Pinocchio scomparvero. Ora avevo solo bisogno di trovare il momento migliore per uscire dal sacco…

Ma era troppo tardi.

Un odore incipiente di pesce cominciò ad entrare attraverso il tessuto del sacco… Stavano salendo sulla barca.

Nel frattempo, un Geppetto affaticato si stava precipitando fuori dal circo del Maestro Lui, era riuscito a localizzarlo dopo molto tempo, ma quando era arrivato, un giorno fa Pinocchio era partito con il giocattolaio. Non importa quanta fretta fosse, non avrebbe mai raggiunto la nave. Quando è arrivato al porto, ha visto che poche ore prima la nave era salpata e si stava allontanando all’orizzonte.

Per un momento, Geppeto stava per arrendersi, ma sapeva che doveva seguire quella nave fino alla fine del mondo. Trovò un pescatore che veniva dalla pesca in una piccola barca di legno, gli disse che se gli avesse prestato la barca per alcuni giorni, in cambio avrebbe potuto tenere il mulo per andare a vendere il pesce. Accettò, guardando stranamente il vecchio calzolaio che si precipitò sulla barca e cominciò a remare dietro la nave gigante.

Passarono i giorni e Pinocchio non aveva nemmeno provato a uscire dal sacco, era così triste di non rivedere Geppetto che non si era nemmeno accorto che i suoi piedi stavano cominciando a trasformarsi di nuovo in un tronco. Una notte, in mezzo all’alto mare, una fata apparve all’interno del sacco, gli disse:

“Pinocchio, so che sei bravo, vedo la luce nel tuo cuore, non mollare… Tuo padre sta arrivando”.

Dallo spavento che si è bloccato, Pinocchio rotolava per diversi metri lungo il ponte, infilato nel sacco, fino a colpire la ringhiera sul retro della nave. Voleva alzarsi, tirare fuori la testa dal sacco e respirare, ma non aveva quasi nessuna forza… Alla fine cadde ancora e ancora, così smise di provare. Improvvisamente, nella sua testa cominciò ad ascoltare.

“Pinoooochoooo”

“Piiinoooochoooo”

Di nuovo quel pepito pesante, pensò. Ma no, la voce veniva da lontano… Una piccola ombra che galleggia tra le acque.

Riconoscendo la voce di Geppeto, Pinocchio trasse forza da dove non aveva più e riuscì a spezzare il sacco. Si mosse come poteva sul ponte e vide che dall’altra parte, un piccolo uomo era aggrappato ai resti di quella che doveva essere una barca, distrutta da tempeste e onde.

Era Geppetto!

Pinocchio non esitò e si gettò in acqua per salvarlo. Ma non sapeva nuotare, quindi poteva fare poco se non stancarsi di muovere le braccia più e più volte… Le onde giocavano con loro, li spostavano da un lato e dall’altro, fino all’improvviso.

BOM!

Tutto è diventato buio…

Pinocchio pensava che fosse la fine. Poteva dire solo una parola:

“Papà”

Il silenzio più assoluto è stato fatto, sono passati giorni, ore o minuti, nessuno può saperlo, e improvvisamente, una luce ha iniziato a muoversi concentrandosi sugli occhi di Pinocchio. Si svegliò spaventato e… Papà! Era Geppetto! ma dov’erano? Padre e figlio erano stati inghiottiti da una gigantesca balena. Ora dovevano pensare a come fuggire da lì, ma almeno, dopo molto tempo, erano insieme.

Vi trascorsero alcuni giorni, tempo di cui approfittarono per fare la pace, Pinocchio aveva chiesto perdono a Geppetto più di mille volte, e lui lo aveva veramente perdonato. Un giorno, Pinocchio ebbe un’idea. Si arrampicò il più lontano possibile e cominciò a solleticare la balena. Questo, non sopportava il becco e starnutiva con tutte le sue forze… Espellendo così Geppeto e Pinocchio a pochi chilometri dalla costa.

Ma c’era un grosso problema, nessuno dei due sapeva nuotare, anche se per fortuna Pinocchio, essendo fatto di legno galleggiava e Geppetto si aggrappava a lui per rimanere a galla.

Pinocchio sapeva che l’anziano padre non poteva fare di più per salvarli, così con tutte le sue forze cominciò a muovere le gambe, anche se gli costò un sacco di fatica dato che aveva a malapena la mobilità. Improvvisamente, la fata che era apparsa a Geppetto e Pinocchio in sogno, uscì dalle acque.

Leggi anche  Michael Schumacher, le ultime notizie e tutto quello che devi sapere

“Pinocchio, hai mostrato un buon cuore. Geppetto, l’amore di tuo figlio è reale.” e con un movimento a bacchetta, li circondo con una specie di polvere brillante. Assomigliava alla segatura rimasta quando Geppetto scolpì il legno. Quella segatura magica li riportò sulla montagna vicino al loro villaggio, lo stesso luogo in cui il Maestro Cherry aveva trovato quello strano ceppo di legno.

Cadendo a terra, ogni granello di polvere dorata si trasformò in una moneta. C’erano abbastanza soldi per poter ricominciare da capo. Pinocchio e Geppeto comprarono una casa, un laboratorio, vestiti e libri. Ha iniziato ad andare a scuola e a ottenere ottimi voti. Geppetto lavorò realizzando pupazzi che presto divennero famosi in tutta la regione, e anche il re volle avere un burattino di Geppeto, ma questa è un’altra storia…

La fine!

~Maggiori informazioni sull’opera originale~

Le avventure diPinocchio è un’opera letteraria scritta dallo scrittore italiano Carlo Collodi e pubblicata sulGiornale per i bambinidal 1882 al 1883.

Il racconto di Collodi contiene 36 capitoli, dove si vedono le avventure che attualmente conosciamo di Pinocchio, ma con un finale molto diverso. E questo perché il suo autore originariamente non pensava di scrivere un’opera di letteratura per bambini, quindi questo personaggio attende nella storia originale molte tragedie e un esito fatale.

Nella storia vera, un falegname trova un pezzo di legno che rideva e piangeva come un bambino. La sua intenzione era di fare una gamba per un tavolo con lui, ma quando è andato a farlo, il pezzo di legno gli chiede di non fargli del male. Così, decide di darlo a un altro falegname di nome Geppetto, per costruire un burattino.

Da quel momento in poi, con le mani di Geppetto, Pinocchio prende vita e inizia a fare malizia, per cui viene duramente punito. Sebbene cerchi di comportarsi bene, grazie all’aiuto di un cricket e della Fata Turchina, sul suo cammino sorgono personaggi come una volpe e un gatto, che esercitano una cattiva influenza su di lui.

Dopo diversi tentativi di non deviare dalla retta via, Pinocchio finalmente medita e decide di comportarsi come un buon “bambino”, lasciandosi alle spalle il suo passato. Ma in una delle sue avventure una balena lo inghiotte, e anche se poi lo espelle, il nostro protagonista non sopravvive alla furia dell’oceano e alla fine annega.

 Pinocchio: la storia originale adattata per i bambini

Il racconto originale è una delle opere più lette al mondo ed è stato tradotto in duecentocinquanta lingue e dialetti, inclusa una versione Braille. È anche uno dei libri più venduti di tutti i tempi.

Dalla sua prima pubblicazione, il romanzo ha generato vari adattamenti nel tempo, tra cui opere teatrali, film, balletti, opere, racconti illustrati e fumetti.

L’evoluzione della storia cambia molto il ritmo degli eventi e, naturalmente, la fine del protagonista. Nella storia adattata ai bambini, Pinocchio, dopo diverse lezioni, dimostra di aver imparato la lezione e inizia a comportarsi nel modo giusto.

Come ricompensa, la fata decise di trasformarlo in un figlio di carne e sangue. E da quel giorno Pinocchio e Geppetto furono molto felici.

Chi è l’autore di Pinocchio?

Le avventure di Pinocchio è un’opera letteraria scritta da Carlo Collodi, giornalista e scrittore italiano nato a Firenze nel 1826. Divenne famoso per questo racconto, che fu pubblicato settimanalmente sul Giornale per i bambini, il primo giornale italiano pubblicato per bambini.

Collodi ha scritto più romanzi e commedie, ma ciò per cui è stato conosciuto in tutto il mondo è stata questa storia. Tuttavia, la fama arrivò dopo la sua morte, quindi non seppe mai quanto fosse ben accolta.

Alcuni personaggi de Le avventure di Pinocchio

Questi sono alcuni dei personaggi che appaiono nell’opera originale. Vedrete che alcuni sono stati omessi nel nostro adattamento, o perché non erano molto importanti o perché non “si adattavano” a una storia adattata.

Gepetto ·

È un vecchio falegname, affabile e molto affettuoso, che non potrebbe mai avere figli. Per questo costruisce Pinocchio a forma di bambino e chiede a una stella di trasformarlo in un vero figlio.

La Fata Turchina

Conosciuta anche come “la stella dei desideri”, scende dal cielo e dà vita a Pinocchio. Appare in diverse parti della storia quando i personaggi gli chiedono aiuto.

Pepito Grillo

È un grillo che diventa la coscienza di Pinocchio. Ti aiuta a prendere buone decisioni e ti insegna cosa è giusto e cosa è sbagliato.

Figaro

È la mascotte di Geppetto, un gatto nero che accompagna sempre il suo proprietario. All’inizio è geloso di Pinocchio, ma poi diventano amici.

Cleo

È un pesciolino che vive in un acquario nella casa di Geppetto. Lei, insieme a Figaro, accompagna il suo padrone quando parte alla ricerca del figlio Pinocchio.

L’onorato Giovanni e Gedeone

Sono una volpe e un gatto che sono sempre alla ricerca di qualcuno da truffare e ingannare. Pensano che la vita sia solo per rendere pigri e a loro piace vivere a spese degli altri. Pertanto, approfittano dell’innocenza di Pinocchio e lo ingannano con grande astuzia.

Stromboli

È un burattinaio che lavora in un circo. Inganna anche Pinocchio e lo rinchiude in una gabbia per cercare di venderlo al cocchiere.

Cocchiere

Compra i bambini per portarli su un’isola, dove li trasforma in asini.

 Il film Disney Pinocchio

Distribuito dalla RKO Radio Pictures il 23 febbraio 1940, è il secondo lungometraggio della Walt Disney Production dopo Biancaneve e i sette nani. Ma è stato il primo film Disney uscito durante la seconda guerra mondiale.

Questo adattamento cinematografico racconta la storia che tutti conosciamo: un vecchio falegname di nome Geppetto che scolpisce un burattino di legno, che chiama Pinocchio. Un giorno viene visitato da una fata turchina, che gli assicura che può diventare un vero bambino se si comporta in modo “buono, sincero e generoso”.

Grazie a questa fata, Pinocchio prende vita e per tutto il film possiamo vedere i suoi sforzi per diventare un vero bambino attraverso diversi incontri con vari personaggi che cercano di esercitare una cattiva influenza su di lui e metterlo sulla strada giusta.

Pinocchio della Disney è stato un risultato senza precedenti in termini di effetti di animazione, fornendo un movimento innovativo a elementi come pioggia, fulmini, fumo, ombre e acqua, non utilizzati con tale realismo fino ad allora.

Sebbene sia stato il primo film d’animazione a vincere un Oscar – infatti, ne ha ricevuti due: uno per la migliore colonna sonora e uno per la migliore canzone originale“When You Wish Upon a Star” – la sua uscita è stata un enorme fallimento al botteghino. Ha iniziato ad essere considerato nella sua riedizione del 1945, ed è attualmente considerato come uno dei migliori film d’animazione della storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *