Franca Leosini chi è? Età, figli, marito, carriera, vita privata

Età

Franca Leosini ha 87 anni: è nata il 16 Marzo del 1934 a Napoli, sotto il segno zodiacale dei Pesci.

Vita privata e figlie

Franca Leonsini è sposata con Massimo Leosini, di cui ha preso il cognome (il suo di nascita è Lando). Dal matrimonio sono nate due figlie oggi adulte. Della vita familiare della giornalista si sa che lei vive a Roma, mentre il marito e le figlie a Napoli.

Diventa direttrice del mensile Cosmopolitan e successivamente cura la “terza pagina” de Il Tempo. Collabora con la RAI dal 1988, cioè da quando diviene autrice di Telefono giallo, condotto da Corrado Augias. In seguito conduce i programmi Parte Civile e I grandi processi (quest’ultimo con Sandro Curzi).Dal 1994 conduce il programma Storie maledette; la trasmissione si occupa di intervistare i protagonisti delle inchieste giudiziarie italiane che hanno fatto più scalpore. Dal 2004 al 2008, oltre a Storie maledette, ha condotto Ombre sul giallo, un programma più complesso che, con servizi, interviste e ospiti in studio, ha come tema ricorrente il dubbio riguardo alla colpevolezza degli indiziati e il modo in cui sono state condotte le indagini.

Leggi anche  Milly Carlucci dopo “Ballando con le stelle” arriva con il “Il cantante mascherato”

1. Franca Leosini, da L’Espresso Storie Maledette

Nata a Napoli nel 1934, dopo la maturità classica e la laurea in Lettere Moderne, Franca Leosini ha intrapreso la carriera da giornalista, iniziando a lavorare per la sezione culturale de L’Espresso e firmando una serie di inchieste e interviste. Tra queste, la più nota rimane Le zie di Sicilia, nella quale lo scrittore Leonardo Sciascia aveva denunciato la presunta responsabilità morale delle donne nella sviluppo della cultura mafiosa. Dopo anni di gavetta, è approdata alla direzione del mensile Cosmopolitan e, successivamente, si è occupata della terza pagina de Il Tempo. Fino a quando, nel 1988, non è iniziata la sua lunga collaborazione con la Rai, partita da Telefono Giallo, condotto da Corrado Augias, proseguita con Parte Civile I grandi processi, e arrivata sino a Ombre sul giallo e Storie Maledette, di cui è anche autrice, ormai in onda dal 1994.

Leggi anche  Pif è molto geloso della compagna Nabila Ben Chahed madre di sua figlia

2. Franca Leosini, icona gay e regina dei social

Negli ultimi anni, Leosini è diventata uno dei personaggi più amati della televisione. Nel 2013, il Muccassassina, celebre locale della Capitale, l’ha insignita del premio di icona gay dell’anno, un’onorificenza che ha accettato con estrema gioia. E, sui social, vanta un vero e proprio fandom di groupie, i leosiners, che ne seguono attentamente i programmi, le repliche, ne twittano e ritwittano le frasi cult e i meme più divertenti.

3. Le tre regole del successo di Franca Leosini

In un’intervista al Corriere della Sera, la giornalista ha rivelato le 3 regole auree che, da sempre, utilizza sul lavoro: «Non anticipo mai le domande. Preferisco incontrare una volta i condannati per studiarne la prossemica e il passato, ma non prendo mai appunti davanti a loro. E poi valuto il tasso di sincerità, non strumentalizzo nessuno e non mi faccio strumentalizzare».

Leggi anche  Matilde Caressa entra nel mondo della musica come Rockstar

4. Come nasce l’iconico look di Franca Leosini

I suoi tailleur hanno fatto storia. Come anche la sua chioma cotonata e il make up, sempre curatissimo. Dietro a quest’immagine, non ci sono stylist né professionisti. I vestiti da indossare per andare in onda, infatti, Leosini li sceglie da sola, senza consultare nessuno. E per i capelli, nessun trattamento particolare: «Li lavo e li asciugo con spazzola e phon, poi metto i bigodini. Nulla di straordinario».

5. Franca Leosini e il matrimonio a distanza

Sulla sua vita privata, è sempre stata molto riservata. È sposata con Massimo Leosini e hanno due figlie. Il loro, però, è un matrimonio molto particolare perché a distanza: lei vive a Roma, lui a Napoli. «Devi avere accanto uomini pazienti se fai televisione», ha raccontato a Vanity Fair, «Però dico sempre che quando si ha poco tempo per stare insieme si ha anche poco tempo per litigare e questo è un vantaggio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *