Costanza della Gherardesca chi è la madre di Costantino e come è morta

La morte della contessa Costanza Gherardesca, 83 anni, avvenuta sabato, è un giorno triste per tutte le persone coinvolte. Suo marito e suo figlio, Costantino e Giorgio rispettivamente, sono in lutto oggi dopo la morte improvvisa della loro madre.

È morta nella sua casa al mare, in provincia di Livorno. A darne l’annuncio sono Olimpia e Costantino, che hanno affidato a un post sui loro profili social media che viene pubblicato online il suo ricordo dell’amata mamma.

Il messaggio di Costantino della Gherardesca

“Mia madre era la persona a cui ho voluto più bene ed anche quella che mi ha voluto più bene”, scrive il conduttore sui social pubblicando un bellissimo collage in ricordo della mamma. “Era la persona che mi ha cresciuto, insieme a mia sorella. Era la persona che con me è stata più generosa e che mi ha insegnato ad essere generoso senza pretendere di avere qualcosa indietro, se non la gioia di rendere le persone felici. Era più simpatica e solare dì me, non a caso aveva moltissimi amici che la amavano e contavano sul suo sorriso, la sua forza e la sua contagiosa gioia di vivere”.

Costantino scherza sul suo nuovo status di single:

“Cara mamma, sii felice perché non sono solo. Si, certo, per colpa degli omosessuali che sono sempre più “ordinari” sono di nuovo single. Ma ho tanti amici, tra cui il tuo amato Daniel e Federico con cui andavo in  slittino”.

Chi era Costanza della Gherardesca

Nata nel 1939 Costanza della Gherardesca sposò il conte Niccolò Gaetani Dell’Aquila Caetani, dal quale ha avuto due figli, Olimpia e Filippo. Divorziarono nel 1970. Il figlio Costantino è nato solo in seguito dalla relazione che la donna ha avito con Alvin Verecondi Scortecci, il quale lo ha riconosciuto 5 anni dopo la nascita, quando ormai gli era stato dato il cognome della mamma. I funerali saranno celebrati martedì 8 febbraio, nella chiesa di Bolgheri, borgo in provincia di Livorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.