Prefisso 0844 per riconoscere le chiamate pubblicitarie, (ma non per i call center)

Segnatevi questo prefisso: «0844». Se dal prossimo anno riceverete chiamate che iniziano con questi quattro numeri, vuol dire che si tratta di una chiamata commerciale. Lo ha definito il Garante per le comunicazioni (L’AgCom), individuando appunto il prefisso così come previsto dalla legge numero 5 del 2018 che disciplina appunto «l’istituzione di prefissi nazionali per le chiamate telefoniche a scopo statistico, promozionale e di ricerche di mercato».

L’eccezione

Una rivoluzione, però con un eccezione. I call center incaricati di condurre una campagna di offerte da una società (ed è la stragrande maggioranza dei casi) potranno utilizzare un numero che inizia per «0» o per «3» (come se si trattasse di un cellulare). Cosa cambia allora in questi casi? Poco, se non la possibilità, cosa che adesso non è possibile, di richiamare il numero (al costo di una telefonata urbana). Risponderà un centralino automatico sempre attivo che darà notizia su chi ha effettuato la telefonata commerciale, dando la possibilità di accedere alla proposta se interessa. Tutto questo dovrebbe andare a regime entro due mesi, metre l’introduzione del prefisso «0844» è previsto nel 2019.

Anche lo «0843«

Sarà attivato anche un altro numero, lo «0843», per le indagini di tipo statistico. Tranne per l’Istat, l’Istituto statistico nazionale, che potrà utilizzare un numero speciale per le sue campagne di raccolta informazioni di «pubblica utilità».

Le telefonate pubblicitarie sono il vostro assillo quotidiano? Vi chiamano a tutte le ore proponendovi ogni sorta di prodotto e servizio non desiderato né richiesto? È arrivato il momento di dire basta. La prima cosa da fare per mettere fine a queste vere e proprie molestie è iscriversi al pubblico registro delle opposizioni. Il Registro delle Opposizioni – come ci si iscrive Per iscriversi al Registro Pubblico delle Opposizioni è necessario che il proprio numero telefonico sia presente negli elenchi telefonici pubblici.

L’iscrizione è totalmente gratuita e si può effettuare mediante cinque modalità: web, telefono, raccomandata, fax, email. Per controllare se siete già iscritti nel Registro, potete chiamare il numero verde 800265265 dal numero telefonico per cui è stata fatta la richiesta d’inserimento nel Registro. Iscriversi soltanto, però, potrebbe essere insufficiente perché di fatto i call center che effettuano telemarketing non rispettano le regole imposte dal registro delle opposizioni e continuano a utilizzare gli elenchi telefonici, in barba alle regole. La giungla dei call center Esistono centinaia di call center solo nella Capitale che quotidianamente sfruttano le doti comunicative di tantissimi ragazzi, i quali per guadagnare pochi euro accettano turni estenuanti e non tengono in debito conto le regole del registro delle opposizioni, senza parlare di quelle della buona educazione.

A molti di loro a inizio mattina vengono messi in mano gli elenchi delle pagine bianche, suddivisi per blocchi da 300 – 500 utenti da chiamare al giorno. Nessuno che risulti iscritto in un elenco telefonico, scappa da questa folle ed estenuante operazione di telefonate a tappeto. Sicuramente ognuno di noi riceverà almeno un paio di chiamate pubblicitarie al giorno, in maggioranza proposte per servizi di telefonia e di energia elettrica. Il Comitato di Garanzia, preposto alla vigilanza sul rispetto del Codice di autoregolamentazione delle attività di telemarketing, ha quindi varato un nuovo strumento di tutela per il cittadino. Coloro che sono già iscritti al registro pubblico delle opposizioni, potranno inoltrare uno specifico reclamo direttamente alla società pubblicizzata, informandola che il call center ha violato il divieto imposto dal registro pubblico delle opposizioni. Un nuovo strumento Da oggi quindi c’è un ulteriore strumento per contrastare questo fenomeno:un modulo di reclamo da compilare e inviare online direttamente alla società pubblicizzata dal call center.

Il modulo è disponibile sul sito dell’Asstel, l’associazione delle imprese della filiera delle TLC, e consente agli utenti telefonici iscritti al registro delle opposizioni di indirizzare direttamente al gestore responsabile tutte le segnalazioni su eventuali chiamate indesiderate da parte di operatori dei settori telecomunicazioni ed energia. Ecco il link con il modulo da compilare. Si vince una lotta ma non una battaglia Riusciremo a non sentire il nostro telefono squillare? La risposta è negativa perché questi strumenti valgono solo per coloro che hanno il loro numero telefonico registrato in elenchi pubblici, e il nuovo strumento messo in atto dall’Asstel riguarda solo gli operatori telefonici ed energetici. Inoltre ci capita spesso di firmare moduli e di comunicare i nostri numeri telefonici per finalità commerciali e informative. Basti pensare alle numerose carte di raccolta punti che abbiamo nel portafoglio, le iscrizioni a concorsi, le registrazioni a siti web, ad abbonamenti di riviste che sottoscriviamo con facilità. Una volta apposta la nostra firma o cliccato il consenso per l’accettazione delle clausole, possiamo dire addio a una fetta di privacy e loro possono continuare a proporci prodotti e servizi. Ricordatevi però che è un vostro diritto chiedere all’operatore del call center da quale lista è stato preso il vostro numero di telefono, in seguito potete inviare il modulo di richiesta di cancellazione al titolare della lista e quest’ultimo ha l’obbligo di cancellarvi entro quindici giorni.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*