La nuova vita da Stasi a Bossetti: tutte le mansioni in carcere dei detenuti dei fatti di cronaca

La nuuova vita dei detenuti che sono stati protagonisti dei fatti di cronaca era, ecco cosa fanno in carcere e come si svolge la loro vita, a partire da Massimo Bossetti a Veronica Panarello.

Si sono fatti conoscere dinventando “famosi” per i delitti che hanno compiuto, riempiendo pagine e pagine di cronaca che sarà impossibile dimenticare e resteranno sempre nella memoria nlla storia italiana di questi ultimi anni .

Partendo da Alberto Stasi che è stato recluso con l’accusa di aver ucciso la sua fidanzata Chiara poggi, lavora per una azienda come centralinista all’interno del carcere. Cosima Serrano e Sabrina Misseri sono in carcere per il delitto della povera Sarah Scazzi e trascorrono le loro giornate dedicandosi al cucito, fanno le sarte.

Nello stesso carcere di Olindo e Rosa si trova anche Massimo Bossetti, in galera con l’accusa di aver assassinato la piccola Yara Gambiarasio. Le sue giornate trascorrono tra lo studio ed il lavoro, infatti è stato inserito in un progetto particolare, che si occupa di riparazione delle macchine da caffè danneggiate, una volta sul mercato vengono vendute a prezzi vantaggiosi.

Mentre Michele Buoninconti e Salvatore Parolisi, dedicano le loro giornate interamente allo studio: il primo è in carcere con l’accusa di omicidio della povera moglie Elena Ceste. Studia economia ed è diventato un tutor universitario presso il carcere di Alghero. Mentre Parolisi in galera per l’omicidio della bellissima Moglie Melania Rea, sta facendo uno stage di formazione per poter lavorare nella stessa azienda di Stasi.

Veronica Panarello che è finita dietro le sbarre per l’omicidio del piccolo Loris, sta frequentando un corso per diventare operatore sociale

Leggi anche  Si chiama "Spice" e si sta diffondendo in Italia. I suoi effetti sono devastanti. Come in un film dell’orrore. Ecco cosa accade ai giovani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *