Lascia 500 mila euro per i bambini malati, il Regina Elena apre un nuovo reparto

Questa storia viene da Torino dove un benefattore che ha voluto mantenere l’anonimato ha versato una somma i €500000 lasciata come eredità, ad un ospedale pediatrico di Torino dedicato esclusivamente alle malattie metaboliche.

Questo gentiluomo nel suo testamento ha pensato ai bambini malati, così ha lasciato in eredità all’ospedale Regina Margherita €500000. Una somma piuttosto importante, in quanto ha permesso di regalare al reparto di pediatria, un settore dedicato alle malattie metaboliche, un nuovo più grande e più bello reparto.

A rendere il progetto ancora più soddisfacente ci ho pensato anche la fondazione Forma Onlus, che ha stanziato altri €100000 aggiuntivi, per le decorazioni e l’arredo dell’intera struttura. Il reparto è stato inaugurato questa mattina martedì 4 febbraio, la professoressa Franca fagioli spiega che grazie a questa ristrutturazione il dipartimento di pediatria e specialità pediatriche della Città della salute passa da 8 a 10 posti letto che oltretutto aggiungiamo, che erano in grandi cameroni da14 a 16 posti letto disposti in camere che potranno essere doppie o singole, a seconda delle situazioni di salute e della necessità dei pazienti pediatrici, così di avere comunque, a loro fianco, la possibilità un genitore.

Inoltre evidenziamo che l’ospedale in questione, anche nel 2019 da parte delle donazioni dei privati, è stato in grado di ristrutturare il reparto di oncologia per una spesa totale di 1500000 euro. L’obiettivo è quello di accumulare la cifra di €2000000 per far fronte alla crescita e all’avanzamento dell’ospedale in nuovi reparti strutture, e macchinari. L’Università di Torino dice grazie al sostegno dell’associazione Adisco sezione Piemonte che ad oggi, su diversi fronti ha fatto si, per l’ampliamento della struttura. Si cercano ancora benefattori che ci aiutano nella spesa prevista per eventuali rifacimenti.

Leggi anche  Violenza nell'internet point, ragazzina tredicenne molestata
Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *