Partorisce in casa e uccide di botte la figlia neonata: madre arrestata per omicidio

Una neonata è stata ricoverata in gravi condizione a poche ore dalla nascita, ad Acilia periferia sud di Roma. La bambina è nata in casa e e poi portata in ospedale dove i medici hanno riscontrato che la bambina avesse ferite profonde e compatibili con un grave trauma cranico.

La prima tessera è stata fermata e la madre una donna di 30 anni cittadina italiana ma di origine svedese, nei suoi confronti la procura avanzato l’accusa di reato di tentato omicidio che però è stata cambiata con una cosa molto più grave.

La bambina ricoverata con molte percosse ma con ferite gravi alla testa purtroppo non ce l’ha fatta ed è morta. Quindi le accuse che erano state avanzate contro la madre da tentato omicidio sono di omicidio volontario. Sono stati ascoltati anche i soccorritori che sono arrivati sul posto e hanno affermato di aver assistito ad una scena choc!!

Il sangue della piccola era ovunque e la piccola presentava addosso ferite profonde. “È caduta” così hanno provato a giustificarsi la madre della bambina è un’altra donna che era presente con lei, ma agli uomini del 118 è è bastato poco per capire che quei segni erano più Che compatibili con delle percosse ricevute.

A quel punto sono state allertate le forze dell’ordine che immediatamente sono andati sul posto, adesso i carabinieri della compagnia Ostia indagano sul caso: “la donna era in stato di fermo per tentato omicidio e la piccola era ricoverata in gravi condizioni al bambino Gesù di Roma.

Ma, La donna ora è stata fermata per omicidio volontario. Dopo partorito in casa ad Acilia, nella zona sud di Roma sabato scorso, sembrerebbe che la donna avrebbe picchiato violentemente la bambina. La neonata arrivata in codice rosso in ospedale, presentava gravi ferite sul corpo, ferite che purtroppo non sono riuscite a guarire in tempo per salvarla. La donna ora è tenuta in stato di fermo agli arresti domiciliari, e resta ancora da chiarire la dinamica dei fatti e i motivi delle percosse inferte alla neonata.

Commenta la Notizia

Lascia un commento