Genitori si incontrano con le maestre a scuola per scambiarsi i compiti: rischiano la denuncia

0
1

Prima giornata effettiva di quarantena obbligatoria che si estende a tutti, molte le attività e i servizi che sono stati chiusi. Si può uscire di casa solo ed esclusivamente per questioni di prima necessità, oppure per recarasi sul posto di lavoro. Eppure, non tutti hanno ancora capito che devono attenersi a queste regole. L’esempio palese lo è un gruppo di maestre di una scuola in provincia di Novara.

Questa settimana, si sono riunite per una riunione e fare il punto della situazione. In un seconso momento, sono uscite dalla scuola perchè avevano appuntamento con i rappresentati di classe. Il motivo? Dovevano conseganre dei libri di testo e compiti che tutti gli studenti avrebbero dovuto svolgere a casa. Ma il problema è che hanno violato totalmente le nuove disposizioni imposte dal premier Conte. Continua…

Il gruppo di ognuno di insegnanti e genitori sono stati notati dalle forze dell’ordine, mentre il gruppo discuteva i Carabinieri si sono avvicinati e una volta sapute le motivazioni hanno inviato una segnalazione alla procura di Novara. Poichè è stato violato a pieno il decreto.

Ora rischiano tutti la denuncia, L’articolo violato di riferimento è il 650 del codice penale. In base alla normative, rischiano, in aggiunta, la reclusione fino a tre mesi e il pagamento di un’ammenda fino a 206 euro. Continua…

Il decreto emesso da Conte parla molto chiaro, bisogna evitare assemblaggi, di toccarsi, darsi la mano, e stare a meno di un metro di distanza. Sono regole che non devono essere infrante per nessuna ragione. Anche perchè si rischia la vita se si resta contagiati.

Tutti devono attenersi al decreto, se vogliamo combattere e uscire da questa tragica situazione che non colpisce solo l’Italia, ma il mondo intero. Ricordiamo che la Cina è uscita vincitrice dalla lotta al Coronavirus grazie all’isolamento collettivo.

Leggi anche  Coronavirus, non firma l'autocertificazione: è il primo denunciato per aver violato il decreto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here