Sono assolutamente d’accordo. È utile per il contenimento identificare persone che altrimenti non lo sarebbero e metterle in quarantena“.

Questa la posizione espressa dal professor Massimo Galli, che ha di fatto promosso il modello Veneto annunciato da Luca Zaia: il governatore della Regione ha fatto sapere che il piano è quello di andare alla ricerca di pazienti positivi al Coronavirus ma inconsapevoli di esserlo. Dunque tamponi a campione sui passanti. Nell’intervista rilasciata a La Repubblica, il responsabile di Malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano ha parlato anche della Lombardia, che dovrebbe trovare il modo di farli: “O abbiamo un problema con il denominatore, il numero totale dei positivi“.

Se si fanno i tamponi solamente a chi ha sintomi importanti, si seleziona prettamente “la parte più severa dei colpiti, e ci troviamo con una percentuale di letalità tra i ricoverati più alta della Cina, dove è stata del 10-15%“. Dunque, qualora dovesse essere perseguibile, sarebbe meglio il modello Veneto: “È simile a quello della Corea del Sud, che infatti ha avuto l’ 1% di decessi“.

“L’imperativo è arginare”

L’ordinario dell’Università Statale del capoluogo lombardo, in prima linea contro l’emergenza Covid-19, ha confessato di trovarsi in una situazione “in cui l’estensione dell’epidemia è importante. Capiamo che qua e là le persone la malattia ce l’hanno e il punto adesso è arginare, arginare, arginare“. La città di Milano va protetta: questo è il messaggio che fa passare. Un contenimento che deve essere attuato attraverso una serie di misure il cui fine è “evitare il peggio in una zona di grande concentrazione di popolo come l’area metropolitana milanese. Su questo va fatto il massimo sforzo“.

Leggi anche  Ai domiciliari per droga, dona 200 mascherine all’ospedale di Bari: “Generosità riempie il cuore”

In tutto ciò gli ospedali continuano a essere sotto stress: “Il limite è vicino“. L’ospedale deve prepararsi a crescere ancora, ma la battaglia si vince sul campo e gli ospedali qui sono la retrovia: “Se sul campo di battaglia va male, gli ospedali vengono massacrati“. E il campo di battaglia è “il territorio“. Occorre perciò lavorare tutti insieme verso un unico, importante e complicato obiettivo: evitare il dilagare del problema. Il professor Galli infine ha concluso lanciando un appello ben preciso: “Oltre al distanziamento sociale va trovata una vicinanza assistenziale, per seguire davvero la gente in quarantena. Bisogna sfruttare ad esempio la telemedicina, finalmente“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here