Ha superato ormai la cifra record di 4 milioni di euro la raccolta fondi organizzata su Internet da Chiara Ferragni e Fedez, per dotare l’ospedale San Raffaele di Milano dei macchinari necessari a istituire nuovi posti di terapia intensiva. E i numeri sono ovviamente destinati a salire.

Le crisi mostrano a pieno la qualità e i limiti delle persone. E se altri influencer in questi giorni usano Facebook, Instagram e Twitter come se nulla fosse, mettendo in mostra la propria quotidianità pur se in isolamento, Chiara Ferragni e Federico Lucia, detti i Ferragnez, hanno saputo usare la loro popolarità a fin di bene. Applausi per loro, dunque, che lunedì 9 marzo, prima ancora che tutta l’Italia venisse dichiarata “zona rossa”, hanno lanciato un’iniziativa generosa e coraggiosa.

«In questa fase davvero delicata, dal punto di vista sociale e sanitario, possiamo anche noi fare qualcosa» hanno detto in un video postato sui rispettivi profili di Instagram. «Medici e scienziati stanno facendo un lavoro importantissimo e vorremmo supportarli concretamente. Per questo motivo abbiamo pensato di aiutare l’attivazione di una nuova terapia intensiva presso l’Ospedale San Raffaele di Milano. In questo momento le attrezzature necessarie per triplicare i p letto di terapia intensiva e su diva sono: ventilatori, dispositivi di ventilazione non invasiva, di n emodinamico, monitor. Anche la donazione può fare la differenza».

La fashion blogger e il rappar si come tutti in casa, dal loro loro appartamento di City Li hanno chiarito di essere in stretto contatto con i medici dell’ospedale San Raffaele di Milano, specificando inoltre che i fondi raccolti saranno direttamente devoluti alla struttura. Ovviamente la coppia più social d’Italia non si è limitata a chiamare in causa tutti i suoi seguaci, o “follower” se volete chiamarli così: Chiara e Fedez hanno donato per primi. Centomila euro.

Leggi anche  Virginia Saba, avete mai visto la fidanzata di Luigi Di Maio?

Un’iniziativa di tale portata, che nel giro di pochi giorni ha raggiunto risultati diffìcilmente immaginabili alla vigilia, non poteva non essere accompagnata da polemiche. Sterili, va precisato. E stata Heather Parisi, residente ad Hong Kong. «Non era meglio promuovere la raccolta fondi per l’emergenza del COVID2019 a favore della sanità pubblica e degli ospedali che davvero ne hanno bisogno invece che a favore del più grande gruppo di sanità privata d’Italia? Mi sembra Robin Hood al contrario». Ma la replica del rapper non è tardata ad arrivare: «Se al posto di dare aria alla bocca tanto per darla ti informassi, sapresti che le terapie intensive saranno destinate al sistema sanitario pubblico a cui il San Raffaele è iscritto. Ma tu invece al posto di lamentarti, che minchia stai facendo? Le coreografie?».

L’ospedale San Raffale, infatti, è una struttura privata ma appartenente al circuito del Sistema Sanitario Nazionale. Dunque offre cure pubbliche e gratuite. Evidentemente la showgirl non era informata abbastanza. A differenza sua tanti altri volti noti del mondo dello spettacolo, dello sport, della moda, dell’imprenditoria hanno rilanciato la campagna e, soprattutto, hanno donato. Chi più, chi meno. Chi rendendo pubblico il proprio contributo, chi preferendo rimanere anonimo.

Tra chi ci ha messo la faccia, va segnalato Fabio Rovazzi. Il cantautore milanese e Fedez, per un periodo inseparabili, si erano allontanati fino a non parlarsi più. L’emergenza li ha portati a superare i dissapori. Almeno sembra. Attraverso un video su Instagram Rovazzi ha invitato tutti a rimanere in casa, seguendo le direttive del governo. Ma ha aggiunto: «Tra l’altro restando a casa potete anche rendervi utili. Come forse già saprete, Chiara e Federico hanno avviato una donazione Online per rinforzare le terapie intensive del San Raffaele di Milano. Io credo che di fronte a cose così importanti, dove ne va la salute di tutti noi, sia doveroso contribuire». Fedez l’ha ringraziato pubblicamente e chissà che i due non tornino ad essere legati come in passato.

Leggi anche  Anna Falchi dice no alle Nozze e si alla convivenza

Un’idea, quella dei “Ferragnez”, che si è rivelata vincente. Ma i diretti interessati sono impegnati su più fronti. Sia Chiara che Federico, infatti, hanno rilanciato via social altre iniziative simili che hanno preso il via seguendo il loro esempio, a favore di tante altre strutture ospedaliere, in tutta Italia. Entrambi hanno ribadito che non è importante a chi, ma è importante è donare. Molte campagne sono state avviate da volti noti: Luciana Littizzetto ne ha avviata una per tutti gli ospedali della Regione Piemonte. E Stefano De Martino, insieme alla sua Belen Rodriguez, ha scelto di supportare il reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Cotugno di Napoli. Così, su tutta la piattaforma Gojundme .com nel giro di poche ore è stato pubblicato un “catalogo” di ospedali da aiutare nella durissima battaglia contro il Coronavirus.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here