La lettera choc di un detenuto: “Voglio tornare a casa, lo Stato è criminale”

L’emergenza Coronavirus è arrivata anche all’interno delle carceri: giorni fa vi abbiamo raccontato delle rivolte scoppiate a causa delle misure intraprese per limitare la diffusione del contagio.

“Carne da macello”

Dunque lo Stato è stato accusato di essere “criminale” poiché “nonostante il pericolo di farci ammalare e morire, preferisce tenerci ammassati dentro questo buco che mandarci a casa per stare vicini ai nostri cari. Forse per un’idea di Stato padrone che punisce, forse per ottenere consenso popolare, forse per ottenere due voti, si comporta da vero criminale, tenendoci in ostaggio“. Dunque a suo giudizio sarebbe stato negato loro “qualsiasi diritto“, correndo il rischio di “non vedere più un nostro familiare o ancora peggio di non poter uscire vivi da questo inferno“.

Alla sua compagna ha chiesto di rendere pubblica la lettera perché “a quanto pare ci sentono solo i muri” dopo tutte le strategie messe in atto per tentare di attirare l’attenzione tra sciopero della fame e battiture quotidiane con le mani insanguinate. Il detenuto del carcere di Madonna del Freddo, a Chieti, ha chiesto “di tornare a casa fino alla fine dello stato di emergenza. Non vogliamo la libertà, vogliamo scontare la nostra pena in maniera dignitosa e civile“. Infine si legge che il desiderio è di “essere trattato come un cittadino italiano, non come carne da macello che aspetta imponente la propria morte“.

Leggi anche  Salvatore Parolisi 9 anni dopo il delitto di Melania Rea: la nuova vita in carcere e com'è diventato
Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *