“La strategia è cambiata, ora basta un solo sintomo per i tamponi. Fino a qualche giorno fa bisognava essere polisintomatici”. Lo annuncia Attilio Fontana, presidente della Regione Lombardia. “Il problema non è il numero dei tamponi, il problema è il processamento dei tamponi. Siamo a 5.000 tamponi al giorno, siamo al limite con i nostri laboratori”, aggiunge.

 

“Anche oggi abbiamo processato un numero maggiore di tamponi rispetto ai giorni precedenti, si assiste ad una riduzione del numero di contagi”, dice. “Bisogna fare una media di almeno 5 giorni per avere una visione, ci stiamo consolidando. Non sta crescendo la linea dei contagi, sta per iniziare la discesa dei contagi. Non bisogna abbassare la guardia, i sacrifici portano risultati”.

“I dati relativi alle celle telefoniche evidenziano che la percentuale degli spostanenti si sia ridotta dell’1% rispetto a ieri e del 7% rispetto alla scorsa settimana”, prosegue. “Tramite il Politecnico, poi, sono stati individuati tessuti corretti per la realizzazione di mascherine e camici. La produzione delle mascherine è iniziata, dobbiamo andare verso l’autosufficienza produttiva. Per quanto riguarda i camici, si è messo a disposizione Armani con una propria proposta”, dice ancora.

“Abbiamo fatto poi una rapidissima giunta per approvare il provvedimento per cui il nuovo ospedale della Fiera viene accorpato al Policlinico e ne diventa una sorta di reparto”, spiega il governatore. “Ho avuto un brevissimo colooquio con il dottor Caiazzo e con il dottor Bertolaso, entrambi sono stabili nel miglioramento, erano su di morale. Lo loro condizioni sono assolutamente sotto controllo”. Capitolo tamponi: “La strategia è cambiata, l’Istituto Superiore di Sanità ha detto che basta un solo sintomo”.

Leggi anche  Coronavirus, i numeri dell'Organizzazione mondiale della Sanità

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here