Chi è Milly Carlucci: Biografia, Età, Vero Nome, Marito e Ballando Con Le Stelle

Chi è Milly Carlucci?

  • Nome: Camilla Patrizia Carlucci 
  • Nome D’arte: Milly Carlucci
  • Data di nascita: 1 Ottobre 1954 (Venerdì) 
  • Età: 66 Anni 
  • Segno zodiacale: Bilancia 
  • Professione: Conduttrice Televisiva 
  • Luogo di nascita: Sulmona 
  • Altezza:  172 Cm 
  • Peso: 63 Kg 
  • Tatuaggi:
  • Profilo Instagram ufficiale: @milly_carlucci

Ormai “Ballando” vuol dire solo una cosa: Ballando con le stelle, il programma che Milly Carlucci conduce dal 2005. Boom di ascolti fin dalla prima puntata, è un vero fenomeno televisivo perché da allora il pubblico non si è mai stancato e non c’è mai stato bisogno di cambiare la formula o di introdurre chissà quali novità.

Leggi anche  Elio Pandolfi chi è? L’attore morto all’età di 94 anni

Adesso, alla 15a edizione, ci sarà un’anti-giuria (Roberta Bruzzone, Valerio Scanu, Pierluigi Diaco), ma da tempo la giuria è sempre la stessa (Zazzaroni, Lucarelli, Canino, Smith, Mariotto), il pubblico vota, i concorrenti si affannano e si dannano allenati dai loro partner, ballerini professionisti di altissimo livello. Guai a prendere l’impegno sottogamba, chi assume un atteggiamento distaccato viene immediatamente punito dagli spettatori.

Quest’anno, come sempre, il cast è variegato e sorprendente: dalla grande attrice di teatro Lina Sastri all’ex deputata Alessandra Mussolini, da Barbara Bouchet a Ninetto Davoli… e poi Paolo Conticini, Daniele Scardina (recuperato dal Coronavirus grazie a un ultimo tampone negativo), Elisa Isoardi, Costantino della Gherardesca, Gilles Rocca, Tullio Solenghi, Rosalinda Celentano, Holaf, Vittoria Schisano.

Leggi anche  Gli Abba, il quartetto svedese torna in concerto con una versione virtuale dei componenti

Però bisogna dirlo: la vera stella resta lei, Milly Cariucci, al timone di questo straordinario show con un piglio da comandante. La incontrò per intervistarla, trovandola sempre con il sorriso che la contraddistingue e che nulla sembra poter cancellare.

Non fai mai mancare il tuo sorriso… ma guidi tutti con piglio da leader. Riuscendo a tranquillizzare i concorrenti più agitati, a rimettere in riga i più capricciosi. Io ho la responsabilità di influenzare negativamente o positivamente un grande gruppo di lavoro, perché ne sono il punto di riferimento.

Se vuoi essere un buon capo devi imparare a gestire le emozioni, perché i problemi accadono, la vita è disseminata di dolori e ostacoli, ma se li affronti con la faccia tesa diventa tutto più difficile. Meglio il sorriso. E questo vale ancora di più nella sfera privata.

Leggi anche  Asia Argento risorge dopo l'inferno

Per i figli, e io ne ho due, sono molto più importanti gli esempi delle parole. Io ora guardo Angelica e Patrick, ormai grandi, vedo la loro carica di energia e di positività, vedo come non si scoraggino davanti alle telecamere con lucidità non puoi durare negli anni: sappiamo bene quanti bravi artisti siano scomparsi dalle scene.

Questo lavoro non è solo creatività, è anche un’industria che non può perdere soldi. A volte l’equilibrio arriva da qualcuno che ti è accanto, il compagno o la compagna di vita, un agente, un produttore. Questione di fortuna.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *