Cos’è la malattia di Crohn?

 Il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria dell’apparato digerente che colpisce generalmente l’intestino ma può manifestarsi in qualsiasi area del sistema gastrico-intestinale dalla bocca all’estremità del retto (ano).

Di origine sconosciuta , è una malattia cronica che ha una componente autoimmune in cui il sistema di difesa dell’individuo attacca il proprio intestino, producendo infiammazione. Questa dilatazione provoca il restringimento del condotto, facendo sì che cibo e feci passino più lentamente attraverso il tubo digerente o addirittura si blocchino.

Per quanto riguarda la sua incidenza, è una patologia che colpisce allo stesso modo uomini e donne e può essere ereditaria, quindi verrebbe trasmessa dai genitori ai figli. Allo stesso modo, è una malattia che di solito compare in due fasce di età molto marcate: tra i 15 ei 30 anni e tra i 60.

 Sintomi della malattia di Crohn.

I sintomi di questa malattia dipendono dall’area del tratto gastrointestinale interessata.

Inoltre, secondo il dottor Amorós, “ogni paziente può presentare sintomi secondari al di fuori del tratto intestinale, come anemia (debolezza, pallore), dolori articolari o lesioni cutanee”.

È anche importante ricordare che il morbo di Crohn può colpire l’ano, producendo fistole, ascessi o lesioni di tipo ulceroso, con il loro disagio corrispondente.

I sintomi principali sono:

             – dolore addominale,

             – febbre,

             – mancanza di appetito,

            – dolore nei movimenti intestinali,

            – vomito,

            – diarrea persistente e acquosa,

            – perdita di peso o sanguinamento nel retto.

 Trattamento per la malattia di Crohn.

Il trattamento può differire da un paziente all’altro a seconda della gravità e delle caratteristiche di ciascun caso. In questo senso, gli specialisti optano sempre inizialmente per il trattamento farmacologico, sia nei focolai che nei periodi asintomatici.

Pertanto, ci sono varie opzioni di trattamento che includono farmaci con un effetto antinfiammatorio locale, corticosteroidi, immunosoppressori e antibiotici. Durante i focolai acuti della malattia, vengono utilizzati soprattutto i corticosteroidi, per la loro attività antinfiammatoria e la loro capacità di rallentare la risposta immunitaria.

Per i casi più avanzati o complicati della malattia di Crohn (perforazione intestinale, ostruzione o sanguinamento significativo), gli specialisti optano per il trattamento chirurgico. Con esso, il chirurgo rimuove la sezione malata dell’intestino o del retto e ricongiunge le parti sane, oppure rimuove l’intero colon creando un’apertura verso l’esterno – chiamata stoma – in modo che le feci possano essere espulse.

Secondo il dottor Cirilo Amorós, “la chirurgia può migliorare notevolmente la qualità della vita di un paziente ma non è curativa, quindi dovrebbe essere indicata in modo molto ponderato e prudente. Anche se un pezzo di intestino viene rimosso, la malattia di solito ricompare in qualsiasi parte del tubo digerente “.

5. Prognosi della malattia di Crohn.

La malattia di Crohn ha un decorso individuale molto vario, quindi è difficile fare una previsione generale. In ogni caso, è solitamente caratterizzato da lunghi periodi di stabilità seguiti dalla comparsa dei sintomi.

Tuttavia, sebbene la malattia di Crohn sia lunga e si verifichino spesso complicazioni che richiedono un intervento chirurgico, l’aspettativa di vita è difficilmente ridotta nelle persone colpite. Pertanto, l’ 85% delle persone con questa malattia digestiva ha un’ottima qualità della vita sia socialmente che sul lavoro.

Tuttavia, il dottor Amorós ritiene che “sebbene non ci siano prove al riguardo, sembra che i pazienti con malattia di Crohn abbiano un rischio maggiore di sviluppare il cancro del colon rispetto alla popolazione generale, quindi è molto conveniente eseguire revisioni tempestive. “

Cause della malattia di Crohn.

 La sua esatta origine è sconosciuta, ma è noto che fattori genetici e ambientali aumentano il rischio di soffrirne. È una patologia in cui il sistema immunitario del corpo distrugge il tessuto sano del corpo.

Prevenzione della malattia di Crohn

Secondo il dottor Amorós, “la prevenzione della malattia di Crohn non è possibile perché attualmente le cause esatte che sviluppano la malattia non sono ancora note”.

Leggi anche  Coronavirus e Sesso, tutto quello che c'è da sapere

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here