Cos’è un’allergia ai pollini? 

Gli allergeni a cui il paziente è sensibilizzato per inalazione sono chiamati “aeroallergeni”, uno di loro è il polline. Conosciamo come ” allergia ai pollini” i sintomi causati dalla sensibilizzazione clinica agli allergeni presenti nei pollini.

La prevalenza delle malattie allergiche è aumentata notevolmente negli ultimi anni, essendo la pollinosi il disturbo immunitario più comune oggi e il motivo principale per la consultazione in Allergologia.

Il rischio di sviluppare questa malattia allergica è dato dalla congiunzione di fattori genetici (disposizione atopica ereditaria) e fattori ambientali (esposizione a pollini allergenici).

Quali sintomi provoca? 

I sintomi della pollinosi possono comparire a qualsiasi età, sebbene la sua insorgenza sia solitamente più frequente nell’infanzia e nella giovinezza . Non tutti i pazienti affetti da polline presentano sintomi negli stessi mesi dell’anno.

La gravità della clinica allergica dipende dai livelli di polline atmosferico e dall’esposizione del paziente durante la specifica stagione pollinica, quindi può variare di anno in anno. Inoltre, puoi essere allergico a più di un tipo di polline, quindi più dell’80% dei residenti nella Spagna centrale e meridionale è allergico a più di uno.

Nelle giornate ventose i pazienti mostrano più sintomi e, al contrario, quando piove migliorano, poiché l’atmosfera viene pulita e granelli di polline si depositano sul terreno a causa del peso della pioggia.

Sono aeroallergenici e si trasmettono per via aerea, producendo ipersensibilità immediata o reazioni di tipo I mediate da IgE che interessano principalmente la mucosa nasale, congiuntivale e bronchiale.

C’è quasi sempre congiuntivite (occhi rossi con lacrimazione e prurito oculare), inoltre è generalmente associata a rinite , manifestando i tipici sintomi allergici di prurito nasale , ostruzione nasale , starnuti e idrorrea, tra gli altri.

Il 40-60% dei pazienti allergici al polline sviluppa asma bronchiale che può manifestarsi come tosse, senso di costrizione toracica, sensazione di mancanza di respiro o dispnea, respiro sibilante o sibilante, prevalentemente di notte e persino difficoltà respiratorie durante l’esercizio fisico.

Qual è il trattamento? 

Una volta che il paziente è stato adeguatamente studiato e diagnosticato da un allergologo, dopo aver determinato il suo profilo di sensibilizzazione allergica responsabile del quadro clinico manifestato, deve essere stabilito il trattamento specifico più appropriato.

L’approccio terapeutico completo dovrebbe includere il controllo dell’esposizione agli allergeni, il trattamento farmacologico e l’immunoterapia specifica per gli allergeni. Pertanto, il trattamento è strutturato in tre livelli fondamentali:

  • Informazione e prevenzione : devi ricevere tutte le informazioni sulle cause e l’origine della tua malattia e applicare tutte le possibili misure preventive previste dallo specialista.

  • Trattamento farmacologico : che non differisce da quello raccomandato in altri casi di congiuntivite, rinocongiuntivite o asma causati da altri allergeni, come antistaminici, corticosteroidi, broncodilatatori, antileucotrieni … Questo trattamento non cura la malattia, permette solo di alleviare i sintomi allergici, indipendentemente dall’agente responsabile causale o eziologico, mentre il paziente lo esegue.

  • Immunoterapia allergene specifica : è l’unico trattamento in grado di modificare il decorso della malattia allergica, prevenendo la progressione della rinite nell’asma nonché lo sviluppo di nuove sensibilizzazioni, quindi va considerata sin dalle prime fasi ogniqualvolta se ne presenti un’indicazione Costituisce l’unico trattamento eziologico delle malattie allergichemalattie respiratorie mediate da specifici anticorpi IgE, che consentono di ridurre il grado di allergia ai pollini responsabili, e in questo modo di ridurre o addirittura eliminare la necessità di farmaci sintomatici che, altrimenti, il paziente dovrebbe assumere anno dopo anno più a lungo parte della sua vita. La sua efficacia clinica è stata ampiamente dimostrata per estratti allergenici di qualità, somministrati singolarmente in casi selezionati dall’allergologo specialista.

Cos’è il polline? 

I pollini sono granelli molto piccoli (tra 20 e 40 micron), prodotti dal sistema riproduttivo maschile dei fiori e che trasportano gli spermatozoi al suo interno. La sua funzione è quella di trasportare queste cellule al sistema riproduttivo femminile di altri fiori affinché avvenga la fecondazione, garantendo la sopravvivenza delle specie vegetali.

Il polline è disperso nell’aria , invisibile all’occhio umano. Una singola pianta può produrre migliaia e migliaia di granuli di polline, che se visti ammucchiati sembrano polvere gialla.

Non tutte le piante impollinano contemporaneamente, anche se la maggior parte lo fa in primavera-estate. I livelli di polline di ciascuno aumenteranno a seconda del periodo dell’anno e saranno impercettibili per il resto dei mesi (se si tratta di un’impollinazione stagionale).

Tutte le piante impollinano ma non tutte producono pollinosi.

Quali piante possono causare allergie? 

Erbe . È la principale causa di pollinosi in Europa. In Spagna, si stima che il 34,8% dei pazienti affetti da rinite sia sensibilizzato alle erbe, raggiungendo cifre fino al 59% in comunità come l’Estremadura o il 61,9% a Madrid. Nei pazienti con asma, le cifre sono del 32,4%. Il suo periodo di impollinazione varia tra 2 e 10 mesi con a

picco da aprile a giugno. Esiste una grande reattività crociata tra allergeni delle diverse specie.

Oleaceae. Il 29,7% dei pazienti con rinite e il 26,9% di quelli con asma in Spagna sono sensibilizzati all’olivo. Il suo periodo di impollinazione va da aprile a giugno.

Urticaceae. Abbiamo trovato i generiUrticae Parietaria , che hanno prodotto il 6,8% di sensibilizzazioni nei pazienti con rinite e il 4,6% di quelli nei pazienti con asma bronchiale in Spagna. Impollinano durante tutto l’anno, anche se più intensamente da aprile a luglio.

Chenopodiaceae-amaranthaceae . Si dividono in due sottofamiglie: chenopodiaceae e salsoloidi e le specie più rilevanti sono Chenopodium album (sensibilizzazione del 9,5% nei pazienti con rinocongiuntivite e 8,7% nei pazienti con asma in Spagna) e Salsola kali (sensibilizzazione del 7 2% dei pazienti con rinite e 6,5% dei pazienti con asma in Spagna). Il suo  periodo di impollinazione si estende da marzo a ottobre , anche sesi osservano due picchi nei mesi di giugno e settembre.

• Cupressaceae Ci sono 19 generi. In Spagna il 9,2% dei pazienti con rinite e il 7,5% dei pazienti con asma sono sensibilizzati a questo genere. La sua impollinazione ha un picco in gennaio-febbraio;

Platanaceae . La sensibilizzazione alla piantaggine ombra (Platannus hispanica) è aumentata negli ultimi anni, è comparsa nel 7,7% dei pazienti con rinite. La più alta concentrazione di polline si registra nelle comunità di Madrid e Aragona. La sua impollinazione avviene nei mesi da marzo a maggio, ed è più intensa ad aprile.

Composito . È una delle famiglie più numerose. In Spagna si possono trovare circa 100 generi diversi, il più rilevante nel nostro ambiente è il genere Artemisia , a cui è sensibilizzato il 6,8% dei pazienti con sintomi di rinite e il 6,2% dei pazienti con asma in Spagna. . Il suo periodo di impollinazione va da settembre a dicembre.

Diagnosi 

In una prima valutazione allergologica viene redatta una dettagliata anamnesi clinica che sarà fondamentale per determinare se la comparsa dei sintomi sia correlata alla presenza atmosferica di pollini o pollini a cui il paziente può essere sensibilizzato nel luogo di residenza.

Utilizzando skin test o prick test si può ottenere un approccio diagnostico iniziale in modo semplice , sicuro e veloce, motivo per cui costituisce un metodo diagnostico ad alta risoluzione, essendo una tecnica ad alta sensibilità.

Con l’obiettivo di una maggiore precisione diagnostica, vengono realizzate tecniche all’avanguardia, come la diagnostica dei componenti che consentono la rilevazione di anticorpi diretti contro determinanti antigenici caratterizzati da ciascun polline in questione. In alcuni pazienti, possono essere necessarie procedure altamente complesse come test di provocazione specifici per monitorare la risposta del paziente dopo un’esposizione controllata all’allergene in questione.

Leggi anche  Coronavirus, ciò che sappiamo del virus che sta terrorizzando il mondo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here