Ecco cosa succede se mangi due kiwi al giorno

0
503

Il consumo di due pezzi di kiwi al giorno fornisce energia extra in quanto sono una fonte “eccezionale” di vitamina C e, inoltre, possono migliorare l’umore, secondo i risultati di una ricerca dell’Università di Otago a Christchurch, United Unidos, presentato questo martedì a Madrid in un evento organizzato da Zespri.

Lo studio è stato recentemente pubblicato sul “Journal of Nutritional Science” e ha coinvolto 54 giovani studenti universitari maschi in condizioni di salute normali che normalmente mangiavano poca frutta fresca e i cui livelli di vitamina C erano inferiori a quanto desiderabile.

Tuttavia, dopo aver mangiato e dato loro la possibilità di mangiare tra mezzo kiwi e due pezzi al giorno per un periodo di 6 settimane, i ricercatori hanno scoperto che coloro che mangiavano almeno due kiwi questi giovani avevano un grado di stanchezza e depressione significativamente inferiore rispetto agli altri gruppo.

Inoltre sentivano di avere più energia e quindi più vitalità, il che sembra essere correlato all’ottimizzazione dell’assunzione di vitamina C con la dose dei due kiwi.

“I due kiwi al giorno hanno assicurato che i livelli di vitamina C del gruppo di studio fossero ottimali, il che ci ha permesso di osservare un effetto sul loro umore ed energia. La quantità di vitamina C necessaria per questo è superiore all’attuale assunzione raccomandata”. , ha difeso la dottoressa Margreet Vissers, autrice dello studio.

Per questo esperto, questo studio fornisce prove concrete che dimostrano che si possono ottenere benefici per la salute apprezzabili mangiando quotidianamente una buona quantità di frutta e verdura. “Per un maggiore beneficio, è importante includere cibi ricchi di vitamina C nella dieta quotidiana”, afferma il professor Vissers.

Leggi anche  Il test dei virologi su Covid-19: 'Rimane nell'aria fino a tre ore"

La vitamina C aiuta ad attivare una serie di enzimi nel corpo che migliorano i livelli di energia metabolica e diverse sostanze neurochimiche nel cervello, afferma Vissers.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here