‘Rebecca’ non trova la sua identità: il film Netflix impallidisce davanti al classico di Alfred Hitchcock nonostante la sua solvibilità tecnica

0
256

L’industria cinematografica sente un’irrimediabile tentazione di tornare a storie che ci ha già raccontato prima. Può essere un tributo, un mero pretesto per ripetere il successo del lavoro precedente o semplicemente perché c’è un autore dietro che è disposto a dare la sua voce a quella storia. Nel caso di ‘Rebecca’ potrebbe sembrare che Ben Wheatley cercasse quest’ultima riadattando il romanzo di Daphne du Mairier che Alfred Hitchcock aveva già portato sul grande schermo nel 1940, ma una volta visto non mi è molto chiaro di cosa si tratti. inteso esattamente.

Devo confessare che la versione di Hitchcock non è tra i miei titoli preferiti nella sua filmografia, ma il fatto che abbia realizzato così tanti grandi film pesa più di ogni altra cosa. Tuttavia, non l’ho visto come un film così intoccabile che la decisione di Wheatley mi è sembrata una semplice audacia, ma al momento della verità questo film che arriva su Netflix questo 21 ottobre è una proposta così poco che contribuire.

Il meglio di questa nuova ‘Rebecca’ è nei suoi primi minuti , dove conosciamo l’inizio della relazione tra i personaggi interpretati da Lily James e Armie Hammer . Lei è una giovane donna umile che fa del suo meglio per andare avanti ed è un uomo ricco che ha recentemente perso la moglie. La storia d’amore tra loro sembra inevitabile, ma almeno lei è molto efficace nel trasmettere un’immagine che è già stata esplorata in molte occasioni, mentre lui ha un ingresso efficace sulla scena scherzando su se stesso.

Non che sia un grosso problema quindi, ma come commedia romantica ha il suo fascino, nemmeno per il modo in cui manipola la donna per cui lavora, interpretata da un’ispirata Ann Dowd . In effetti, è l’unica che sembra davvero muoversi liberamente per il film, dal momento che il resto finisce totalmente rinchiuso nelle convenzioni meno stimolanti del melodramma romantico su cui Wheatley scommette sfacciatamente dal momento in cui la relazione. entrambi fanno un ulteriore passo avanti.

Questo è il momento esatto in cui ‘Rebeca’ diventa un film senza una vera ragione d’essere al di là del fatto che per quanto riguarda l’ambientazione si cerca di far sì che il film trasmetta una certa eleganza, qualcosa applicabile anche al sezioni tecniche, essendo alla base di alcuni momenti dall’indiscutibile forza visiva. Certo, momenti e non qualcosa con continuità, dal momento che Wheatley trasforma il film in un melodramma romantico tra i più monotoni.Da un lato, sia James che Hammer vengono rivelati qui come scelte di casting scadenti, il primo per aver mantenuto un atteggiamento quasi identico per la maggior parte del filmato piuttosto che per comunicare come è stata influenzata dall’ombra dell’ex moglie di suo marito. . In effetti, il suo cambiamento finisce per essere troppo brusco e non sa molto bene come esplorare le implicazioni psicologiche di tutto ciò che accade.

Leggi anche  Ylenia Carrisi è viva, una programma tv spagnolo dice di averla vista a Santo Domingo

Nemmeno Kristin Scott Thomas riesce nel suo tentativo di offrire un approccio più umano alla signora Danvers – almeno lì si percepisce che vuole fare qualcosa di diverso – poiché dà la sensazione di non volersi liberare in nessun momento da quel tocco più controllato di domina il film in ogni momento e questo diventa il suo principale punto debole. È come se Wheatley fosse più preoccupato per tutto ciò che viene misurato in modo che la storia trasmetta davvero qualcosa allo spettatore, forse è per questo che il carico di suspense è ridotto al minimo e in nessun momento riesce ad essere eccitante o intrigare. Le cose stanno accadendo senza un’atmosfera che qualifichi ciò che accade e basta.

Quella mancanza di determinazione e determinazione rende “Rebeca” un film vuoto di interesse. È vero che non diventa mai orribile e non c’è niente di particolarmente debole, ma, anche a parte che c’è una versione precedente di Hitchcock della stessa storia, è uno di quei film che quando lo vedi hai la sensazione di non essere approfittando del tuo tempo, che l’hanno fatto per risolvere il ballottaggio cercando di farlo con la massima dignità possibile ma senza avere un’idea molto chiara di cosa volevano ottenere con esso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here