Chi è Giovanna Ralli? Curiosità, Vita Privata

Chi è Giovanna Ralli: età, vita privata e curiosità sull’attrice

Giovanna Ralli nasce il 2 gennaio 1935 e la sua carriera da attrice inizia prestissimo dato che a soli 6 anni recita già in film molto importanti come La maestrina e I bambini ci guardano.

Intorno ai quindici anni, vince il premio di bellezza Miss Sorriso Lazio e appare come comparsa e generica sia in teatro, sia al cinema nei film Luci del varietà (1950) di Alberto Lattuada e Federico Fellini, Signori, in carrozza! (1951) di Luigi Zampa, La famiglia Passaguai (1951) di Aldo Fabrizi e Papà diventa mamma (1952).

A metà anni ’50 arriva la svolta quando incontra lo sceneggiatore Sergio Amidei che diventa anche suo compagno nella vita.

Da allora in poi le vengono affidate parti da protagonista in film come Anni facili (1953) di Luigi Zampa, Racconti romani (1955) di Gianni Franciolini, Le ragazze di San Frediano (1955) di Valerio Zurlini, Un eroe dei nostri tempi (1955) di Mario Monicelli, Il bigamo (1956) di Luciano Emmer, Una pelliccia di visone (1956) di Glauco Pellegrini, Tempo di villeggiatura (1956) di Antonio Racioppi e Il momento più bello (1957) di Luciano Emmer, accanto a Marcello Mastroianni.

Leggi anche  Maria Teresa Ruta, il 15 luglio è uscito Mi sveglio ballando

Attrice. Nel 1942 ancora bambina esordisce sullo schermo in “La maestrina” di Giorgio Bianchi. Subito dopo interpreta una piccola parte in “I bambini ci guardano” (1943) di Vittorio De Sica. Dopo aver lavorato, giovanissima, nella compagnia teatrale di De Filippo, si afferma nel cinema agli inizi degli anni Cinquanta nel ruolo della figlia di Fabrizi nei tre film della serie “Passaguai” (1951-52). Grazie alla sua bellezza prosperosa diventa presto una delle “maggiorate” più popolari del cinema italiano negli anni della ricostruzione. Sentimentalmente legata allo sceneggiatore Sergio Amidei, viene da questi presentata a Roberto Rossellini che le fa interpretare ruoli drammatici in tre film importanti: “Il generale della Rovere” (1959), “Viva l’Italia” (1960) e “Era notte a Roma” (1960). Ormai lontana dai ruoli di “donna fatale” degli esordi, negli anni Sessanta è un’affascinante Monaca di Monza nell’omonimo film (1962) di Carmine Gallone. Nel 1964 interpreta il ruolo di una ragazza dalla psiche contorta nel film “La fuga” di Paolo Spinola, che le vale un Nastro d’argento. Nella seconda metà degli anni Sessanta tenta il successo oltreoceano, ma con pochi risultati. Tra i suoi film americani, l’unica interpretazione “convincente” è nel film di Blake Edwards “Papà, cosa hai fatto in guerra?” (1966), nel ruolo di una siciliana tutto pepe. Nel frattempo il cinema italiano la trascura fino al 1974 quando riappare nel ruolo di figlia di Aldo Fabrizi in “C’eravamo tanto amati” di Ettore Scola. Nel 1977 sposa l’avvocato Ettore Boschi, mentre riprende a lavorare a teatro riscuotendo molto successo. Dopo dieci anni di assenza, torna al cinema con un film di Francesca Archibugi “Verso sera” (1990). Mentre per la televisione compare nel 1997 nello sceneggiato “Un prete tra noi”, diretto da Giorgio Capitani.

Leggi anche  Programmi Tv stasera venerdì 30 Luglio 2021: Film in tv attualità e intrattenimento guida con palinsesto

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *