Sapete chi è Lina Wertmuller? Età, Carriera, Biografia, Film, Marito, Figli e evita privata

È morta la provocatoria regista italiana Lina Wertmüller, il cui potente mix di sesso e politica a Travolti dà un destino insoluto nell’azzurro mare d’agosto e “Pasqualino sette bellezze” l’ha portata ad essere la prima donna nominata all’Oscar per la migliore regia e una figura di culto nel panorama cinematografico newyorkese, ha riferito il Ministero dei Beni Culturali italiano. Aveva 93 anni.

Wertmüller, che ha ricevuto un Oscar alla carriera nel 2019, è morta durante la notte a Roma circondata dalla sua famiglia, ha riferito l’agenzia di stampa LaPresse, citando i suoi parenti.

Dario Franceschini, ministro della Cultura, ha reso omaggio ieri a Wertmüller. Ha notato che la sua “classe e il suo stile inconfondibile” hanno lasciato un segno nel mondo del cinema italiano. “Grazie Lina”, ha detto in una dichiarazione.

Politici, controversi e spesso erotici, i suoi film erano pieni di commenti sociali e messaggi satirici contro il sistema. Wertmüller, che scrisse anche le sue sceneggiature, le descrisse come commedie marxiste.

“Mi rifiuto di fare film senza temi sociali”, ha detto la donna una volta chiamata “Five Feet of Film Controversy”.

Aspetto stravagante

Con i suoi 1,52 metri (5 piedi) di altezza, il trucco drammatico degli occhi, i capelli colorati e gli anelli su tutte le dita, l’aspetto sgargiante di Wertmüller era parte integrante della sua persona. In un’intervista con l’Associated Press, ha ammesso di avere centinaia dei suoi occhiali con bordi bianchi.

L’artista, il cui vero nome era Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich, nacque a Roma in una famiglia aristocratica svizzera. Apparentemente rifiutando il desiderio dei suoi genitori di studiare legge, entrò nella scuola di recitazione dove recitò, diresse e scrisse opere teatrali. Dopo essersi diplomato all’Accademia di Teatro di Roma ha girato l’Europa con la compagnia di marionette di Maria Signorelli.

Leggi anche  Pif è molto geloso della compagna Nabila Ben Chahed madre di sua figlia

Nel 1963, l’attore italiano Marcello Mastroianni, che era il marito di un suo amico di scuola, lo presentò a Federico Fellini, che gli chiese di essere il suo assistente l’81/2. Qualche tempo dopo Wertmüller commentò che Fellini si rivelò una delle sue più grandi influenze.

“È rivelatore essere intorno a lui, perché è un personaggio così profondamente anticonformista, che corre con se stesso come un bambino con una cometa”, ha detto.

Nello stesso anno, incoraggiato da Fellini, Wertmüller si recò in Sicilia per realizzare I basilischi, il suo primo lungometraggio. Ha avuto un’accoglienza favorevole, ma la stessa regista l’ha criticata per essere “troppo strana” perché la gente potesse capire. Voleva fare film per le masse.

Titoli lunghi, i suoi preferiti

I successi di Wertmüller, che disse ad Ap di amare i titoli lunghi, iniziarono con Mimì metallurgico ferito nell’onore, dal 1972. La rivista New Yorker ha definito il film “una farsa sessuale meravigliosamente divertente” e Time lo ha nominato uno dei 10 migliori film dell’anno. Altri blockbuster sono stati Film d’amore e d’anarchia, ovvero ‘stamattina alle 10 in via dei Fiori nella nota casa di tolleranza… (Film d’amore e anarchia) 1973; Travolti dà un destino insolito nell’azzurro mare d’agosto, dal 1974, e Pascualino siete bellezas, dal 1976, che gli valsero la nomination all’Oscar per la migliore regia e la migliore sceneggiatura originale, oltre ad un’altra al suo protagonista, l’attore Giancarlo Giannini.

Leggi anche  Pio e Amedeo torneranno ancora in Tv con il loro “Felicissima Sera”

Wertmüller non ha vinto allora, ma l’Accademia ha riconosciuto il suo traguardo assegnandogli il premio alla carriera più di quattro decenni dopo, nel 2019.

Il critico cinematografico americano Roger Ebert ha dato a Unusual Summer Adventure il suo punteggio più alto, dicendo che nonostante lo scontro tra una ricca donna capitalista e il suo impiegato marxista “persiste nell’essere su un uomo e una donna”. Altri critici erano a disagio con la sua violenza contro le donne: Anthony Kaufman lo definì “probabilmente il film più scandalosamente misogino realizzato da una donna”. Il National Board of Reviewers gli ha assegnato nel 1975 il premio per il miglior film straniero.

Il sesso era un tema costante nella sua filmografia. In Metallurgical Mimi…, un uomo è attratto dal comunismo in parte perché gli permette di avere una relazione con un sexy comunista. In Pasqualino Sette bellezze, interpretato da Giannini, che per anni è stato il protagonista preferito di Wertmüller, decide di sopravvivere in un campo di concentramento ad ogni costo, anche facendo sesso con un nazista obeso e brutale in carica.

Leggi anche  Questa è l'incredibile collezione di auto Sylvester Stallone che non ti aspettavi

Ma con A Night Full of Rain del 1978, il suo primo film in lingua inglese, la critica statunitense non era così entusiasta.

A Wertmüller piaceva unirsi a forze apparentemente contraddittorie. Il suo film del 1992 Io speriamo che me la cavo racconta la storia di minori napoletani costretti a consegnare droga e uccidere, ma lo ha definito “un atto d’amore per il Sud e i suoi figli”.

“Vedo la possibilità di umorismo nelle cose più serie”, ha detto.

Pieno di energia, Wertmüller aveva la reputazione di essere un capo esigente sul set, dominando gli attori e cambiando scena all’ultimo minuto.

“È una tempesta”, ha detto una volta il regista svedese Ingmar Bergman.

Tuttavia, Giannini ha osservato che il regista è sempre stato aperto a suggerimenti.

“Lina chiede consiglio a tutti, agli operatori e agli attori. Crede che un film sia il prodotto della collaborazione”, ha detto.

Wertmüller è stato membro della giuria della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nel 1988 e direttore della scuola di recitazione cinematografica italiana.

Ha lavorato a stretto contatto con suo marito, lo scenografo Enrico Job, che è stato con lei in tutti i suoi film di successo. Lo definì “il mio miglior critico”. Job è morto nel 2008.

Wertmüller è sopravvissuto da sua figlia Maria Zulima Job.

Il consiglio comunale di Roma ha annunciato che terrà una veglia per Wertmüller venerdì in una delle sue sale principali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *