Albano Carrisi il 12 Marzo si esibisce ad Atlantic City, nel New Jersey

Il più famoso dei nostri cantanti. Albano Carrisi  non è solo un uomo di spettacolo noto e amato dal pubblico, ma è anche un fine conoscitore dell’animo umano e, forte della saggezza contadina tramandata dai suoi genitori, è arguto commentatore delle vicende politiche nazionali ed internazionali, come la sconcertante guerra tra Russia e Ucraina.

È vero che ti sei offerto come mediatore tra Russia e Ucraina? Questa è una balla colossale! lo so di essere  molto amato in Russia ed altrettanto in Ucraina, ma pensare di cambiare mestiere e trasformarmi in mediatore è impossibile! Lasciamolo fare ai politici!

Mi dici la tua idea su questo conflitto? Sia i russi sia gli ucraini, sono popoli generosi. In Ucraina il trenta per cento della popolazione è russa, anche se nati sul territorio.

Da uomo, padre, nonno, artista, mi auguro che finisca questo sconvolgimento, si ritorni sui propri passi, e ognuno rimanga sulla terra di appartenenza, a difendere i propri confini. Se trovano un accordo, risolveremo pure i problemi con il gas, se no ritorneremo ai tempi dell’impero romano, in cui si accendeva il fuoco!
Il 12 Marzo ti esibisci ad Atlantic City, nel New Jersey.

Sono molto felice di ritornare ad Atlantic City, dove in passato mi sono esibito in tanti locali di proprietà di Donald Trump. Dopo mi sposterò nel Connecticut, dove canterò vicino Boston. Tua figlia Romina lavora a Rail a Oggi è un altro giorno, sei soddisfatto del suo percorso? La cosa che mi rende più fiero è osservare che lei è contentissima di questa esperienza che sta facendo con Serena Bortone, con cui si trova molto bene. D’altronde per un padre, la felicità dei figli, corrisponde alla propria ed io non faccio eccezione.

Avrai visto il Festival di Sanremo: chi ti è piaciuto di più? Immediatamente, sentendo cantare Bianco e Mahmood. ho capito che avrebbero vinto, dato che la canzone è bella e innovativa. Poi ho apprezzato Morandi, con un pezzo divertente ed il simpatico duetto con Jovanotti. Infine, Ranieri, che è lo storico della canzone, avrebbe meritato qualcosa in più in classifica, oltre che il premio “Mia Martini”: è una colonna non solo del canto, ma del cinema e del teatro.

Non ritieni di meritare, con la tua gloriosa carriera, di essere invitato come guest star? Ti regalo uno scoop: quest’anno avevo deciso di non avvicinarmi al Festival perché avevo fatto molta televisione e non possedevo il brano giusto. L’anno prossimo compio ottantanni e voglio festeggiarli sul palcoscenico di Sanremo: trovo giusta questa celebrazione.

Mi dici una tua riflessione sull’elezione del Presidente della Repubblica? Sono felice che Mattarella, dopo un breve trasloco, sia ritornato a casa! Il suo con Draghi è un duo perfetto per Italia e sono soddisfatto di come è andata. Non vedevo altro nome per gli italiani, specie ora che la guerra in Ucraina ha complicato lo scenario europeo.

La pandemia è in calo: qual è il tuo bilancio sulla gestione italiana’ Ti faccio il paragone con la Spagnola di cento anni fa, in cui abbiamo perso dieci milioni di persone, in due anni di Covid, molte di meno, perché la scienza ed il progresso hanno fatto passi in avanti e vanno sempre assecondati.

Quali sono i programmi di lavoro estivi? Ci sono parecchie serate in giro tra Italia, Austria, Germania. Croazia, Polonia, Romania, Svizzera. Tra questi concerti, ne farò sei con Romina, mentre negli altri, mi esibisco da solista.

Come va con Loredana: c’è posto per uno spettacolo assieme? Loredana non è una donna di spettacolo, anche se in passato ha provato a cimentarsi e ha fatto cose che, peraltro, ho sempre detto di non condividere. Tuttavia, ognuno deve fare le proprie esperienze, e se lei aveva voglia di entrare nell’ambiente, ha fatto bene, ma sono contento che si sia tirata indietro.

Invece la vostra vita privata come va? La nostra vita privata va a gonfie vele, proprio perché Loredana si dedica alla nostra famiglia, e ha scelto la straordinarietà della coppia, piuttosto che gli applausi pubblici. Abbiamo due figli stupendi: Albano junior studia alla Cattolica di Milano “Business Administration”: sono molto orgoglioso della sua serietà, ed è un bellissimo ragazzo di ben 178 centimetri di altezza! Invece sua sorella Jasmine frequenta la lulm.
Questi ragazzi hanno la testa sulle spalle e tanto merito è di Lori che è proprio una mamma perfetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.